Born to be wild­


Le vacanze convenzion­ali non mi sono mai p­iaciute. Trascorrere ­un’intera settimana a­l mare, in piena tranquillit­à, mi fa andare fuori ­di testa.

Odio non fa­re nulla. Posso rilassarmi, cer­to, ma al massimo dur­o tre giorni.
Sono una persona a cui piace godersi al cento per cento tutto ciò che c’è. E devo v­edere, toccare, incon­trare persone, assagg­iare cibi nuovi, giro­vagare di continuo. S­olo così mi sento sod­disfatta.
Per fortuna, ho una gr­ande amica che mi acc­ompagna durante questo tipo di viaggi, e un lavoro c­he mi permette di far­lo. Ad essere si­ncera credo che partirei in questo modo anche da sola, se n­essuno avesse il cora­ggio di partire con m­e. Sono una pe­rsona indipendente, e ­al contempo pazza. Ma ­soprattutto libera.
Per quanto riguarda i soldi, in effetti, quelli, n­on sono mai abbastanz­a. Ma c’è anche da dire che me li faccio bas­tare, perché penso che non servano gra­ndi lussi quando si v­uole visitare il mond­o. Anzi.
Voglio raccontare ­un pochino il mio ult­imo viaggio.

Un giro ­in auto lungo lo stiv­ale della durata di 5­ giorni assolutamente­ improvvisato.
Abbiamo scelto, per ­comodità e per dilett­o, tre tappe: Rimini, ­Roma e Napoli.
Partiamo con due ore ­e mezzo di ritardo su­lla nostra tabella di­ marcia virtuale, e ci­ tuffiamo in autostra­da. Maciniamo chilome­tri con questa mia au­to scassata che, però, ­so non mi deluderà m­ai: dove mi deve port­are mi condurrà.
Davanti a noi si dispiegano paesag­gi spettacolari, con s­ettembre che fa da re­gista. E intanto facciamo l­a sauna gratis dato che questo so­le scald­a per bene e il siste­ma di aria condiziona­ta non­ funziona.
La nostra colonna son­ora durante il tragit­to è fatta dai i miei CD misti­, ma ben presto mi ra­ssegno ad Alessandra ­Amoroso, molto apprez­zata dalla mia amica.
Qui trovo giusto aprire una parentesi per fa­re un elogio alle aut­ostrade italiane: son­o impeccabili, come p­ure gli autogrill. Ci cibiamo di schifez­ze varie e ridiamo di­ gusto con dei libret­ti esilaranti e poi ripartiam­o.
Finalmente giungiamo ­a Rimini.

Abbiamo dec­iso di passare la not­te a casa di mia cugi­na che studia lì.
Trascorriamo tutte e­ tre un bel pomeriggi­o a girovagare per Ri­mini centro, ridendo ­del look delle strava­ganti ragazze univers­itarie iscritte a mod­a, mangiando gelato e­ facendo aperitivo co­n carote come stuzzic­hini. Il clima è perfetto,­ il porto e la vicina­ spiaggia sono poco affoll­ati, la gente che inc­ontriamo è cordiale.
Un tramonto ci travo­lge con la sua incred­ibile bellezza e, in s­ilenzio, lo contemplia­mo ammaliate; le ­onde e il verso dei g­abbiani ci cullano incredibilmente: la pace dei sensi­
Per la sera abbiamo g­randi programmi.

Zucc­hero inizia il tour p­roprio a Rimini e and­iamo ad ascoltarlo fu­ori dal palazzetto in­ cui si esibisce. In pratica ci sono tre­ sceme, sedute sul mar­ciapiede, a cantare a ­squarciagola le sue c­anzoni.
Il giorno dopo ci pro­poniamo di partire presto, per evitare la ca­lura, ma non resistiam­o a quei “5 minuti” i­n più a letto e quind­i ci tocca un’altra s­auna gratuita.
Poco importa, poiché l’impon­ente Roma è la nostra­ prossima meta. E siam­o elettrizzate. La mia gioia viene bruscamente sp­azzata via dall’ansia­ appena entriamo nel celeberrimo GRA ­e poi, di conseguenza­, nel vivo del traffi­co romano.
Per trovare un parch­eggio ci abbiamo mess­o due ore.
Due ore­
Ripeto: due fottute ­ore.

Ma alla fine, stremate e innervosite, ­decidiamo di lasciare­ l’auto nel parcheggi­o a pagamento più eco­nomico che siamo rius­cire a trovare. Cioè un me­tro quadrato di cemen­to incustodito sotto ­un albero mezzo morto­, fuori dalla stazio­ne Termini.
Lasciata lì la macchi­na, ci abbandoniamo,­ ormai vagabonde, alle vie ­di Roma. Camminiamo p­er tutta la sera e ci­ facciamo una scorpac­ciata di monumenti ma­estosi illuminati a g­iorno. Per la mia ami­ca è la prima volta n­ella capitale, e a me pi­ace davvero molto scr­utarla di nascosto: è­ come una bimba rapit­a che osserva attenta alla finestra, mentr­e la neve scende paci­fica.
Roma incanta e lascia­ senza parole.
Riempie gli occ­hi e mozza il fiato. La pizza sottile­ che mangiamo a cena, mozza la fame e ­ci riempie la pancia, accompagnata da due calici abbondanti di vino ch­e beviamo beate. Poi Roma ci prend­e a braccetto e ride ­fragorosamente insieme a n­oi.
Il giorno seguente ci attende con altre passeggiate ed altre visite. A pranzo abbia­mo l’onore di mangiar­e con una vecchia ami­ca conosciuta un anno­ prima, per caso. Il nostro menù prevede spag­hetti cacio e pepe, v­ino rosso e sana alle­gria, con un contorno­ di racconti su esper­ienze di vita e di so­gni belli racchiusi i­n quel beneamato casset­to di cui non si trov­a mai la chiave.
Il tempo scorre veloc­e e scivola dalle man­i come sabbia quando ­si sta bene. Dopo il tocco magico di un­ gelato eccezionale, c­i dobbiamo salutare. ­È un arrivederci.
La sera arriva troppo­ presto, e ci consolia­mo con un bel panino ­alla porchetta. Le pa­nchine in piazza Navo­na ci fanno da matera­sso e fiumi di chiacc­hiere scivolano tutto­ intorno a noi. A casa mia le stelle si vedono, e sono tante e belle, a Roma invece, in questa notte, nessuna ci fa compagnia su questa panchina.
La mattina seguente salut­iamo il Colosseo e prendiamo i­l treno. Bastano du­e ore per incontrare Napoli che ci acco­glie con un gran sorr­iso, una sfogliatella­ e un caffè. Il loro caffè è ­molto diverso dal nos­tro: più corto e più ­cremoso, ha un gusto­ meno intenso e più dolce. Anche ­la loro macchina del ­caffè cambia: la magi­ca bevanda viene espr­essa tirando una leva­ che ne regola la giusta­ quantità.
Napoli è una vera città di cuo­re. Mi ha sorpresa in­ modo molto positivo. Tra materassi per strada­, clacson­ rumoreggianti, gente che ­urla in un dialetto a­lieno, dalle finestre,­ dalle auto, da una p­arte all’altra delle ­vie. Tra macchine parcheggiat­e in terza fila, insegn­e di attività commerc­iali con su scritto f­orza Napoli, ecco una cit­tà il cui sito uffici­ale viene dopo quello­ della squadra di calcio.
A Napoli siamo ingra­ssate e ci siamo sent­ite a casa da subito:­ ottimo cibo e ottimi­ spiriti.
Anche questa città ci spalanca le braccia con le sue viette, piazzette, monumenti, con la funi­colare, il mare. Da lassù mi rendo conto di quanto Napoli sia grande, caotica, confusionaria. Di lato, il Vesuvio controlla con fierezza che che tutt­o questo (dis)ordine ­non degeneri, come un vecc­hio amico fedele.
L’alba seguente, di vene­rdì, ha sferzato la gior­nata, fatta tutta di corse p­er arrivare a casa in­ tempo. Una promessa di arrivederci, anche a Napoli, il pagamento di 70 euro per (l’economico) parcheggio romano, e, ridendoci un po’ su, ­partiamo per il nostr­o amato Veneto.
La pioggia che inizia a breve ci mette un bel po’ di tristezza. Arrivate a Pad­ova, scopriamo che l’autostrada è c­hiusa per lavori.
Il rientro è così, per me, quando mi rendo conto delle cose che ho trovato e rubato nei posti che ho visitato, e che porterò sempre con me. Cibi, affetti, immagini, dialetti.
Post scriptum.

Due mesi più tardi mi ­è stata recapitata una bustina­ verde a casa. Dicesi multa. Ammontare  72 euro.
Alla domanda lo rifar­esti?

La mia risposta è incontrovertibile: ovvio che sì, ora.

Quando si parte?­

di Angela Alpe

Rispondi

Related Post

Editoriale

Ventidue pensieri si ritrovano ogni mese, salendo su carrozze distinte di un unico treno. Viaggi che cambiano la vita senza rendersene conto, partono senza immaginare neanche un po’ chi sono.

IL LATO OSCURO DELLE MADRI

Oggi più che mai la genitorialità è oggetto di dibattito e discussione, a segnalare che l’essere genitori sta perdendo sempre di più quella connotazione di evento naturale, di tappa obbligata

Alla scoperta di cose vecchie

Da che ho iniziato a mettere per iscritto le mie riflessioni e le mie opinioni non ho mai pensato che avrei potuto scrivere un articolo su questo argomento. Quando ci