Conti i passi

Conti i passi, conti le strade.

Conti le ore che passano, le gocce che prendi.

Conti gli amori passati – due, tre volte – che nei ricordi non ne sfugga nessuno.

Conti la paura che ti separa dall’azione; conti i colpi che hai ricevuto e quelli che non sei riuscita a dare.

Conti le dita delle tue mani segnate; conti le nuvole nel cielo, le ore che passano e che ti dividono da quel momento; gli sguardi che cogli per strada e quante scarpe vedi quando tieni gli occhi abbassati.

Conti i nodi nella gola e tutte le volte che, per farli scivolare giù, alzi gli occhi al cielo.

Riconti le carezze che gli hai dato; con la lingua ti conti i denti – una, due, dieci volte – e conti ogni volta che distogli gli occhi dalla gioia, che sarebbe un altro nodo alla gola da contare.

Conti anche i sorrisi, quando scrivi, mai meno di uno e mai più di due.

Solo una cosa non conti mai: le lacrime.

testo e foto Caterina Bilabini

 

Visita su Facebook

https://www.facebook.com/31maggio-755028954559064/?fref=ts

Rispondi

Related Post

in_aspettati

Venerdì mattina. Johel era alquanto seccato. Per prima cosa era ancora venerdì. La settimana era già stata lunga e faticosa; avere altre 8 ore di lavoro davanti non lo entusiasmava

Il posto vuoto

Sto percorrendo dopo un anno quella strada che ci ha visto ridere insieme come bambini davanti a un cuscino di zucchero filato. La ricordi, vero? Una lunga linea che si

Quelle dita tra i capelli – parte quarta –

Iniziò per gioco, di nuovo. Eravamo lontani, infiniti quei chilometri tra di noi. Ti dissi che avrei viaggiato, che avrei girato l’europa per iniziare e il mondo intero per continuare.