UNA NOTTE MAI ESISTITA

Una volta ti ho scritto una lettera.
Avevo 13 anni la prima.
Ormai più di 20 l’ultima.
E ancora oggi mi viene istintivo mentirmi sull’età.
Non volevo la leggessi, ti volevo bene.
Lì dentro.
L’ultima volta.
Ho scritto di come ti ho sognata
una notte mai esistita
dove per la prima volta eri lo scudo contro i mostri sotto al letto
non loro
contro te.
Ho scritto una favola per colmare
il bisogno di avere qualcuno
che le raccontasse a me
che non avessi avuto nessuno
in fondo sarebbe stato semplice
avrei colmato vuoti
invece di sfinire la fantasia.
Ho scritto una bugia
perché tu mi hai insegnato
a distruggere
ma io ho imparato solo a distruggermi
perdendo tutto
non te.

 

di Ivo Tudgiarov

 

photo: Dahila

Rispondi

Related Post

IL SOFTWARE LIBERO – parte terza

RUBRICA OPEN INFORMATICA   IL SOFTWARE LIBERO – parte terza   Negli articoli precedenti ho citato più volte la voce Sistema Operativo. Ebbene, quest’ultimo ha un significato generale perché in

Dietro la tua siepe

«Chiaro» dicevo e già non ti guardavo. Aspettavo fossi tu a rientrare da bordo campo. Speravo rifugiassi lo sguardo nello spazio bianco tra i miei seni distanti, tra i miei

IL BUIO OLTRE IL CUSCINO

Aprile dolce dormire. Chi ha inventato questo proverbio non mi conosceva. Sono nata nel mese di aprile e mi sono sempre chiesta il significato di questo detto; probabilmente il mio