Non oggi

Preferiremmo essere ciechi, a volte.

Altre, finiamo per diventarci sul serio, e non vedere quelle cose che ci spaventano, che profetizzano l’ineluttabilità del tutto e la sua caducità.

Così non scrutiamo. Così ci voltiamo, ci giriamo dall’altra parte e non prestiamo attenzione all’inevitabile e all’evidente visibile, ciò che ci è proprio davanti: manifesto. Di fronte all’ovvietà ci diciamo che è stato un abbaglio, uno sbaglio della vista.

Anche quest’oggi, anch’io, non più forte degli altri, sono stanca e non voglio vedere.

Allora chiudo, chiudimi gli occhi.

Almeno per stanotte non farmi guardare; rimanda a domani ogni mio affanno, farò poi i conti con le mie responsabilità, ma non oggi, non ora.

Chiudimi, legami gli occhi.

Indulgi alla mia preghiera, lasciami dormire; rinvia ad un altro giorno il mio male, che importanza ha se farà più soffrire, se almeno per oggi non ci dovrò più pensare.

Chiudimi, cucimi gli occhi.

Serra le palpebre;

dammi la mia assoluzione.

 

 

testo e foto di Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

IL PESO DEI RICORDI

È che da quando non ci sei le estati sono sempre troppo lunghe e troppo calde. Sento la mancanza dei tuoi sorrisi, delle giornate passate in montagna, delle risate, dei

Dalla Gran Madre a Piazza Castello (e ritorno)

Elegante Signora, seduta ai piedi delle montagne, rigogliosa di storie e di contraddizioni, regale ed operaia, fastosa e discreta, grigia ed allegra. Da lontano la sua eco arriva debole. Non

L’invidia positiva

Sono una persona invidiosa, possessiva e con molta ambizione. L’invidia mi serve: per capire cosa voglio da me e dalla mia vita. Magari, delle volte, posso sembrare un bambino piccolo