Preda

Non spegnere la luce
sulle mie notti.
Lascia che il buio passi…
passi attraverso…
attraversi.

 

Lascia che la luna illumini ancora
questa notte buia
buia di pace

e dal nero resti abbagliata.

 

Se anche lei, come noi,
chiudesse gli occhi
di quanti altri silenzi ci nutriremmo?

 

È preda.
Fuori, la luna è preda del giorno.
Sta perdendo la calma.

 

Corre e corre
sembra non si fermi,
è ferma ma muove
lenta
ogni lucciola che la compone,
scintillando sempre
di una luce nuova
che ancora
il giorno
tornerà a sciupare.

 

 

testo di Nadia Caruso

 

photo: Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

Siamo

Le parole non dette in bilico tra le labbra e il bacio Le cadute nello sporgersi troppo e al bivio la strada non scelta L’aquilone sfuggito alla presa e il

BELLEZZA

Questo articolo, il primo di una serie, riguarda il rapporto con la bellezza, il lavoro e la vita di donne molto diverse tra loro. In questa prima parte, ho intervistato

I(m)perat(t)ivi

Contami l’aria che respirerò fra i nodi a cui so sporgermi attraverso i tagli degli alberi sugli scalini del seno un triangolo aperto per i fiumi sottili che tengo dentro