I(m)perat(t)ivi

Contami l’aria che respirerò

fra i nodi a cui so sporgermi

attraverso i tagli degli alberi

sugli scalini del seno

un triangolo aperto

per i fiumi sottili che tengo dentro al braccio.

Riprenditi i salti dei sassi

e le apnee di chi affoga per scelta

sulla superficie virtuale delle promesse

ci sono i miei ‘forse’

avviluppati ai tuoi ‘qui’

che hanno gli stessi appuntamenti da mantenere

le stesse ore cantate nel naso

altre strade da vestire di rosso

nuovi angoli da spogliare e buttare a terra.

Sudami ogni difficoltà

ogni avventura appesa al soffitto

i distacchi che servono

e l’attrazione impronunciabile.

Onorati la notte

e di giorno scavalca ciò che ho delineato sopra le ciglia

col dorso dell’indice nel fianco delle lacrime

armati di passione e di compassione.

Sfuggimi improvvisamente

nuota sui letti delle favole mancate

fammi l’appello quando non so più rispondere

e conserva ogni mia distinzione.

Contami dalla fine

da ciò che non oso

dallo zucchero raffermo

da tutto quello che sbaglio

dal torto e dallo scompenso.

Da quello che non sai

parto

io

come vuoi quando puoi.

 

ScritturaSpontanea

 

di Rossana Orsi

 

photo: Mattia Poggi

Rispondi

Related Post

Preda

Non spegnere la luce sulle mie notti. Lascia che il buio passi… passi attraverso… attraversi.   Lascia che la luna illumini ancora questa notte buia buia di pace e dal

Com’è fatto un impianto Hi-Fi

Nota importante al lettore: Quanto leggerete non è verità assoluta ma solo un punto di vista personale, maturato dopo tanto tempo dedicato, e che ancora dedico all’ascolto, prove, verifiche, confronti

Siamo

Le parole non dette in bilico tra le labbra e il bacio Le cadute nello sporgersi troppo e al bivio la strada non scelta L’aquilone sfuggito alla presa e il