Incidente

Ho scritto più poesie

su di te che su tutti

gli dèi e le regioni

del mondo.

Te le ho nascoste

in una buffa liturgia

di non detti

e di camouflage,

ma si sono rovesciate

da un cielo bianco

di intenzioni

sulle tue mani.

Ed era così caldo

il tuo profumo,

così buona la pelle,

che si sono sciolte:

il tuo nome solo

è rimasto intatto,

in una bolla antica

di commozioni

irripetibili.

 

 

di Eva Luna Mascolino

 

photo: Veronique Carozzi

Rispondi

Related Post

Le lettere

Lo squillo del campanello, un rumore di passi oltre la porta. “Buongiorno, signora. Per lei”. A cadenze regolari il postino consegnava una busta, poi accennava un saluto. La porta si

Il rischio di un abbraccio

In questo articolo propongo una riflessione che riguarda il ruolo dei figli nella famiglia, riferendomi al lavoro di Jodorowsky nella sua Metagenealogia sulle TRIADI familiari. Partiamo dal concetto di triade

Tenerezza

ispirata alle poesie Confidare di Antonia Pozzi Ho tanta fede in te che durerà di Eugenio Montale   Ho tanta fede in te sono i versi che vorrei leggerti, ma