Tenerezza

ispirata alle poesie

Confidare di Antonia Pozzi

Ho tanta fede in te che durerà di Eugenio Montale

 

Ho tanta fede in te

sono i versi che vorrei leggerti,

ma tu sai che non posso

sai che manco

del senso cieco del vuoto

che per me è abbastanza

sederti a fianco,

e anche meno mi basta:

sul vociare di un pranzo

allacciare un istante i tuoi occhi

non giusti

non bianchi o neri

i tuoi occhi veri.

Vorrei dirti la tenerezza che provo.

Ci provo.

È lo stupore ingenuo

davanti al presepio meccanico

l’ombra larga del fico

il poco-tanto che ti dico

che ti ricordo per quando sei solo

sii gentile

ci possiamo riuscire”.

 

Pagina Facebook: Andrée

 

 

di Eugenia Nardona

 

photo: Selma Neudert

Rispondi

Related Post

Editoriale numero 19

Le stagioni umane Quattro stagioni fanno intero l’anno, quattro stagioni ha l’animo dell’uomo. Egli ha la sua robusta Primavera quando coglie l’ingenua fantasia ad aprire di mano ogni bellezza; ha

Sulla strada della bellezza

(ascoltanto Simon & Garfunkel: El Condor Pasa inserita nella colonna sonora del film Wild)   All’alba il sole riscalda poco e davanti ci sono troppe miglia da percorrere. Il fiume

È difficile

riuscire a seguire la stella polare una stanza sottosopra, cavi per terra, una chitarra sul letto, la cassa accesa, il cuore opaco, un’eclissi lunare, in tutto questo disordine è difficile