Assoli

Non me la sono cavata mai

a fare gli assoli

improvvisati

o già disegnati

preferivo accompagnarti sai

tra una melodia e due soli

ardenti di gocce

di risate sotto i baffi

Non me la cavavo mai con gli assoli

i tuoi occhi eran due riflettori

uscivan singhiozzi dalle dita,

dalle corde come una parola timida

dalla mia bocca usciva un sibilo

preferisco ripararti da ogni spiffero

d’aria e con due accordi in settima maggiore

farti cantare anche se non ricordi le parole

con un plettro e una botta sulle corde stoppate

per tenerti la mano

un tappeto in senso musicale

in senso tibetano

preferisco stendermi al tuo fianco

scordarmi la rima e del foglio sul banco.

Non me la sono cavata mai

a fare gli assoli

preferisco farmi i cazzi tuoi.

 

 

di Francesco Sueri

Blog RECTO E VERSO

 

photo di Selma Neudert

Rispondi

Related Post

Roads to nowhere

Fuggo la mia notte, la mia notte arriva comunque. Sfinteri spirituali e vacue promesse sono il pane quotidiano di bocche senza denti. Sfamarsi non risolverà il problema. Il problema come

Portale Personale

Non c’è un’età specifica per l’apertura del proprio Portale Personale. Esiste tuttavia la tua presenza, e questa è la parte fondamentale. Il mio Portale Personale si è aperto completamente all’età

Cogito et volo

Hai sofferto tanto, Veronica. Hai lottato con i denti e con le unghie pur di essere qui. Sei stata forte, forse troppo, come troppo spesso sei rimasta sola con i