Ritratto

Le case viste da lontano

sembrano draghi o catene

montuose – e tu

da lontano

sembri un pilastro

di pugnali d’acqua:

non ti guasta

una carezza, ma ti salva,

sei un aereo

che decolla quando dormi,

un reticolo di desideri satelliti

si alterna nel palcoscenico

dei tuoi occhi

e ti si spegne addosso la paura

come un astro dentro ai buchi neri.

Hai il peso

specifico di una farfalla

e le gambe greche

di un tempio in pietra.

 

 

di Eva Luna Mascolino

 

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Roads to nowhere

Fuggo la mia notte, la mia notte arriva comunque. Sfinteri spirituali e vacue promesse sono il pane quotidiano di bocche senza denti. Sfamarsi non risolverà il problema. Il problema come

Ispirarsi per ispirare: quando le storie altrui ci spingono a scrivere e a scriverci

Ispirarsi per ispirare: quando le storie altrui ci spingono a scrivere e a scriverci. “Il silenzio non è l’ambiente naturale per le storie (…) Le storie hanno bisogno di parole.

il responso

Amava i suoi sudditi, si prodigava per loro: donava cibo, offriva abiti caldi in inverno, visitava gli infermi, consolava i morenti. Era un re stimatissimo e saggio. A lungo aveva