Padre Nostro

A memoria vestire le mani nude
alzate come rami spogliati
l’assenza al cielo che piange di malinconie
fredda la fragilità

in un silenzio che tace di ricordi le rughe del mattino
così che posso scrivere una poesia triste e dimenticare
un padre nostro sui gesti di questa città che aspetta parole

con me sul bordo della strada bagnata e con la pancia scoperta
così le mani nervose muovono bottoni da interrogare piano

sul perché è sola la mia voce
sulle tue parole

e dirmi di gole silenziate sotto il suono sordo

di una primavera che non è mai arrivata.

 

Pagina Facebook Il piacere di pensare

 

di Annamaria Scopa

 

photo di Maria Geraldes

Rispondi

Related Post

Un solo giorno

Il bimbo aprì gli occhi ed era passato molto tempo. Da solo si creò un amico, con lui giocava e rideva.   A tratti sentì che qualcosa non andava, mancava

Esiste

Esiste un sentiero tra gli alberi che respira di note plasmate sull’erba come dipinti tracciati sui muri dall’impronta dei corpi al tramonto. Tienimi la mano resta ancora, come l’odore della

Hello world!

Welcome to WordPress. This is your first post. Edit or delete it, then start writing!