il Cassetto

per-caterina-azzara-da-giovanni-galetta

È diventato tardi

Mentre aspettavo che capissi

È diventato tardi

Quando mi spiavi senza parlare

Tardi.

Troppo

É diventato tardi quando hai pensato che aspettare fosse la mossa migliore.

E Quando hai pensato che ci fosse una mossa da fare

Quando non hai avuto coraggio, quando non hai capito, quando non hai voluto, quando non hai fatto caso.

É diventato tardi

Quando anche il vestito nuovo è diventato corto

Troppo, per la lunga attesa.

Adesso lo piego con cura e starà nel cassetto.

Tra le cose mancate.

 

 

di Caterina Azzarà

 

foto Giovanni Galetta

Rispondi

Related Post

Solo l’arte ci può salvare

Correva l’anno 1995, avevo 16 anni ed ero seduta in una sala cinematografica di Roma accanto a mio padre. Il film che passava sullo schermo era “Cyclo” del regista vietnamita

Sonetto dell’amore oscuro

Ho paura di sfiorarti, per caso, farti cadere come un ramo si spezza, un mi cantino si sfila dalla paletta e fischia dalla chiave strisciando. Ho paura che tu venga

Caro Babbo Natale

  Non sono mai stata una bambina esigente. Fin da piccola, ho sempre preferito la parola “grazie” alla parola “voglio”. Ho sempre pensato fosse giusto essere grata per ciò che