Sono io ma sei tu

img-20160922-wa0014
Sono io ad esser fuggito di sera
baciandoti sulla guancia a malapena
con gli occhi velati dalla tristezza
e l’ebbrezza provata al solo pensiero
d’assaporare un corpo non tuo:
peccato mortale.
Sono io ad averti lasciata
mentre avvinghiata sussurravi
parole dolci e mature
al mio cuore sfatto
causa l’urto d’acerbe delusioni.
Ma sei tu ad aver lacrimato
la pioggia amara di fine estate:
la paura di non potermi riabbracciare
la paura della vita che muore.

Ora incupita cammini
trascuri il tuo viso
invecchi e risorgi
come foglia autunnale.
Il grembo sanguina lava
la chioma profuma di spuma.
Sono io ad esserne schiavo.
Sono debole, madre!
Sono fragile, terra!

Sono io, ma sei tu
medesima carne.
Alle costole preme il tuo fiato
e come un custode lo proteggo
da quelle muse è dame sotto ai portici che
provano ad imitarti svenendo deluse.

0 thoughts on “Sono io ma sei tu”

  1. Jack ha detto:

    Your post is valuable , thanks for the info http://myhealthandwellness.pen.io

  2. New healthy man ha detto:

    I love browsing your internet site. thnx! http://bit.ly/2f0xJ92

  3. inhouse pharmacy ha detto:

    Many thanks for sharing your very good web page. http://tinyurl.com/j7a425c

  4. ozpills ha detto:

    Needed to write you that tiny remark to give thanks as before for these
    pretty solutions you have contributed here. It’s really surprisingly open-handed with
    you to make publicly exactly what numerous people would’ve offered as an ebook
    to help with making some cash for themselves, primarily
    given that you might have tried it if you ever wanted.

    These secrets in addition worked to become a great way
    to fully grasp other people online have similar
    interest just as my own to grasp a little more around this issue.
    I am sure there are a lot more pleasurable sessions
    ahead for many who looked at your blog post. https://www.youtube.com/watch?v=fJd9oeS4mpk

Rispondi

Related Post

Arte e Condivisione

“Prendi l’arte e mettila da parte” recita un detto. E se nessuno t’insegna l’arte, come la si mette da parte? Quando ero piccolo, l’arte che dovevi imparare era il calcio.

FAUSTO e ISABELLA salvano il nostro futuro

Un cartoccio ingiallito e spiegazzato di carta di giornale, fra le mani un po’ tremanti, segnate da una vita di lavoro, rugose e deformate, cotte dal sole e dalla fatica.

Che vuoi che sia, se non sai cosa vuoi

Abito sul dorso del tuo libro, la verticale tra gli scaffali della sala. Quello che mi leggi con cura prima che mi addormenti sul fianco sinistro del letto, quello che