Scelte per caso

img_5052-large

Mille volte mi sono sentita così, appesa al vento.

Mille e mille volte, vittima degli eventi. Vittima di scelte che, seppur mie, erano figlie di contesti pesanti, o sbagliati, causate dalla tempesta di volti e  di comportamenti che imperversavano attorno a me.
Scelte per caso. Non saprei come altro definirle.
Fondamentalmente corretta. Brava a scuola, con pochi vizi, nessuno dei quali veramente dannoso. Questo è ciò che sono, una persona che non ha mai dato preoccupazioni e che, adesso, guardandosi attorno, vede solo la polvere di cui il vento l’ha vestita.
Pochi volti, nessuno indispensabile, e tutto ciò che a suo modo mi procurava piacere si è sgretolato tra le sabbie del tempo.
Guardandomi indietro penso che avrei potuto vivere diversamente, impormi sul vento, o sulla tempesta, o sulle persone. Palesare almeno quel briciolo di volontà che avevo in fondo al cuore, ed oppormi al resto.

Ma poi guardo lo specchio e il riflesso beffardo rivela ogni mia paura concentrata in un’unica piccola voragine: codarda.
Ed è a questo che oggi mi oppongo.

Inforco la paura e dispiego le ali. Perché di questa vita, ovattata, non so più che farmene.

Ispirato a Donna per caso di Jonathan Coe.

 

di Nadia Caruso

 

foto Marcello Piu

Rispondi

Related Post

Educazione Sentimentale

Educazione Sentimentale Capita a volte di leggere qualche articolo di cronaca nera, suicidi per pene d’amore. L’ospitata televisiva dello psichiatra filantropo che punta il dito su amicizie sbagliate, sistema scolastico

Dalla A alla Z

Chance Edizioni dalla A alla Z – prima parte A: Ambizione. La parola ‘alternativa’ ci andava stretta, per di più che l’abbiamo incontrata spesso ad indicare forzatamente la diversità. A

Il software libero

A chi si deve la definizione di “software libero”? Richard Stallman è la risposta. Bisogna fare un salto nel lontano 1983 quando la realtà informatica era ben diversa da quella