Editoriale

Ventidue pensieri si ritrovano ogni mese, salendo su carrozze distinte di un unico treno.
Viaggi che cambiano la vita senza rendersene conto, partono senza immaginare neanche un po’ chi sono.
Seppur fisicamente distanti si incontrano, confrontano e mescolano cultura, fiaba, politica, natura, solitudine interiore ed attualità come ad un corso di cucina.
Hanno tutti una storia da raccontare.
E danzano, le loro anime si uniscono, ballano in cerchio ed infine scrivono, brindando a quello che verrà “Ad ognuno il Suo”.

 

di Diomira Aghilar

 

photo: Andrea Stella

Rispondi

Related Post

Re_Visione #1

Vecchio stile. Si direbbe che non ci sia più bisogno di carta per scrivere. Eppure non posso fare a meno d’immaginare così la lettura come analisi. Ho scelto di leggere tanto, forse

Il ritorno dell’Onda

Come in ogni giorno dell’anno, lo Ionio levigava lo stivale d’Italia. Il sole d’estate scioglieva i tetti delle abitazioni, carezzando i visi delle donne e gli occhi dei bambini che

IL LATO OSCURO DELLE MADRI

Oggi più che mai la genitorialità è oggetto di dibattito e discussione, a segnalare che l’essere genitori sta perdendo sempre di più quella connotazione di evento naturale, di tappa obbligata