Editoriale

Ventidue pensieri si ritrovano ogni mese, salendo su carrozze distinte di un unico treno.
Viaggi che cambiano la vita senza rendersene conto, partono senza immaginare neanche un po’ chi sono.
Seppur fisicamente distanti si incontrano, confrontano e mescolano cultura, fiaba, politica, natura, solitudine interiore ed attualità come ad un corso di cucina.
Hanno tutti una storia da raccontare.
E danzano, le loro anime si uniscono, ballano in cerchio ed infine scrivono, brindando a quello che verrà “Ad ognuno il Suo”.

 

di Diomira Aghilar

 

photo: Andrea Stella

Rispondi

Related Post

Un pensiero sul cambiamento. Chi nasce tondo non può morire quadrato.

Il titolo già chiarisce un poco la posizione da cui si parte: il cambiamento non esiste! Almeno il cambiamento come viene inteso all’interno di un “modello ortopedico”, dove da un

IL GIORNALISTA

  IL GIORNALISTA Opera Teatrale   PERSONAGGI: Guido Ferretti, giornalista Il barista   Interno Bar. Entra il dott. Ferretti, giornalista di mezz’età, vestito in maniera anonima, classico esempio di impiegato

L’Azzurro di Clara

Da che ne ho ricordo, mi hanno sempre chiamata Nonna Clara. Vivo in un paese dove tutti si conoscono dall’infanzia. Ci contiamo ogni giorno, centoquindici anime, tanti gatti e un