Editoriale

Ventidue pensieri si ritrovano ogni mese, salendo su carrozze distinte di un unico treno.
Viaggi che cambiano la vita senza rendersene conto, partono senza immaginare neanche un po’ chi sono.
Seppur fisicamente distanti si incontrano, confrontano e mescolano cultura, fiaba, politica, natura, solitudine interiore ed attualità come ad un corso di cucina.
Hanno tutti una storia da raccontare.
E danzano, le loro anime si uniscono, ballano in cerchio ed infine scrivono, brindando a quello che verrà “Ad ognuno il Suo”.

 

di Diomira Aghilar

 

photo: Andrea Stella

Rispondi

Related Post

Ritratto

Le case viste da lontano sembrano draghi o catene montuose – e tu da lontano sembri un pilastro di pugnali d’acqua: non ti guasta una carezza, ma ti salva, sei

Il software libero

A chi si deve la definizione di “software libero”? Richard Stallman è la risposta. Bisogna fare un salto nel lontano 1983 quando la realtà informatica era ben diversa da quella

DAY ONE

La parte più difficile delle cose, spesso, è l’inizio: non si hanno garanzie, né del percorso né dello sviluppo. Di sicuro, il primo passo è quello più titubante, o impulsivo: