Pensieri e domande aperte sulla scuola e sull’educazione.

“I pensieri infantili sono sottili. A volte sono così affilati da penetrare nei territori più impervi arrivando a cogliere, in un istante, l’essenza di cose e relazioni. Ma sono fragili e volatili, si perdono già nel loro farsi e non tornano mai indietro.

così alla maggior parte delle bambini e dei bambini non è concesso il diritto di riconoscere la qualità dei propri pensieri e rendersi conto della loro profondità. A molti non è concesso neppure di arrivare ad esprimerli, perché un pensiero che non trova ascolto difficilmente prende forma e respiro”

  1. Lorenzoni, 2014

Ho conosciuto da poco un Maestro, che ha parlato della necessità di dare ai bambini il giusto tempo per crescere e fare esperienze. Il Maestro di cui parlo è Franco Lorenzoni, un insegnante di scuola elementare a Giove in Umbria. Coordina ad Amelia la Casa-Laboratorio Cenci, un centro di sperimentazione educativa. Questo incontro mi ha commosso, perché mi ha fatto sentire di non essere sola nel pensare che “almeno a scuola i bambini dovrebbero rallentare, imparare e fare le cose con il tempo che ci vuole, avere occasioni per parlare e ascoltare, giocare con la sabbia e le foglie, percepire i profumi e gli odori, scoprire il silenzio, cogliere le sfumature”(L. Bertinato, 2016) .

La scuola, cioè, dovrebbe essere un po’ meglio della società.

La necessità di scrivere di questo incontro nasce dal mio interesse come psicologa e psicoterapeuta per l’educazione, la formazione, il cambiamento ma anche dal mio essere madre di due bambini e dalla difficoltà che ho incontrato con la scuola, quella pubblica, con mio grande rammarico. Conosco personalmente insegnanti bravi, appassionati, innamorati del loro lavoro, ma ne ho conosciuti di più amareggiati, intristiti e incattiviti da tre aspetti che si intrecciano tra loro: le proprie difficoltà personali, l’assenza di risorse a fronte di una domanda educativa sempre più complessa, e l’assenza di categorie di lettura di ciò che accade in classe e con le famiglie.

Penso a quanto manchi, a mio modo di vedere, una vera e propria relazione d’amore tra gli insegnanti (alcuni/troppi) e la materia che si insegna; questa mancanza balza agli occhi se si pensa, come me, che l’educazione sia fatta di relazione, stia dentro ad una relazione.

Fare cultura, educazione e formazione dovrebbe voler dire prestarsi lo sguardo reciprocamente. Reciproco deriva dal latino RECUS PROPUS, letteralmente avanti e indietro, e dà il senso esatto di ciò che significa relazione.

Compito di chi educa, perciò, è sempre più far sì che la cultura sia un luogo in cui riconoscersi.

Prendo in prestito la vecchia tradizione secondo la quale porterebbe fortuna vestire i bambini con un indumento al rovescio per far scappare il malocchio, che deriva dalla brutture del mondo. Non conoscevo questa tradizione, l’ho appresa leggendo il libro “I bambini pensano grande”, edito da Sellerio. Lorenzoni spiega come possa essere importante per chi educa, soprattutto per gli insegnanti ma evidentemente anche per i genitori, credere che possa essere di una qualche importanza lasciare che i bambini vestano al contrario alcuni abiti mentali.

È nel modo in cui vestiamo gli abiti che consolidiamo le nostre abitudini”.

Solo che è estremamente complesso questo tipo di “atteggiamento”, o meglio di metodo: è difficile lasciare i bambini ai loro pensieri strambi, alla loro emotività dissonante e disturbante. È difficile perché, nel crescere, noi adulti, ci siamo abituati ad esprimere sempre meno questo tipo di contenuti, sollecitati al costante uso della raziocinio e dell’inquadramento dei pensieri e dei vissuti. Soprattutto ci siamo adagiati su una consuetudine maligna: quella di considerare le risposte più importanti delle domande.

Come può un bambino scoprire il proprio modo di pensare? Tutto ruota oggi intorno al possedere delle certezze: ad una certa età il bambino deve aver appreso delle cose, raggiunto certi obiettivi nel modo che decide, in genere, l’adulto. Mi correggo, nel modo che rassicura maggiormente l’adulto. Le persone si rassicurano se l’altro risponde nel modo in cui l’hanno immaginato, e tutto ciò che devia dalla regola è fastidioso, dissonante.

Al contrario, ho imparato che ciò che sento dissonante per me è un indicatore che potrebbe essere potenzialmente molto prezioso per capire cosa sta succedendo. Non avere certezze dovrebbe farti venire la curiosità di conoscere l’Altro differente da te. Gli insegnanti, purtroppo, si spaventano e cominciano a etichettare: “Chi è lento nella scrittura è disgrafico, chi lo è nella lettura è dislessico, chi si agita troppo è ipercinetico, chi sta troppo in disparte rischia di diventare depresso, chi rimane indietro nell’apprendimento ha un po’ di ritardo, chi disturba troppo in classe è oppositivo” (S. Costanzo, 2016).

Questo porta ad una costante cultura del deficit: cosa manca, cos’è che non va?

Oggi la scuola tende ad amplificare ciò che è performance; in questo modo, quello che è incerto, fragile, perché in evoluzione e in sviluppo, non ha un luogo dove poter stare. Ci sono i programmi da rispettare, ma questo non è vero, poiché è da diversi anni che i programmi non esistono più (Riforma Moratti). Esistono invece obiettivi di apprendimento (non più annuali, ma pluriennali) e traguardi per lo sviluppo delle competenze.

Un ultimo pensiero sparso: la classe come risorsa.

Oggi, il gruppo classe rappresenta la più grande risorsa su cui la scuola possa contare, rispetto alla concorrenza dei media e del progresso tecnologico che ha completamente tagliato fuori la scuola dall’interesse dei bambini e dei giovani. Eppure questo non accade. Accade che la classe venga vista come un insieme di ragazzi messi insieme da un indirizzo formativo, e già sarebbe un motivo bastevole per lavorare sulla formazione di un gruppo classe, inteso come luogo di sviluppo. Ma c’è di più. Lavoro da anni in progetti dentro le scuole, e quello che accade il più delle volte è che, quando entrano gli psicologi e gli educatori esterni, l’insegnante esce dalla classe e “lascia soli i suoi ragazzi/allievi” con degli estranei. Chiunque abbia fatto qualche anno di scuola superiore sa di cosa parlo e spesso avviene la stessa cosa anche alle elementari e alle medie.

Quello che voglio dire è che l’adulto che li conosce meglio, e che più di chiunque altro potrebbe beneficiare di quello che emerge dai laboratori, esce e va via.

In queste situazioni mi domando sempre dove vada a finire la necessaria e fondamentale responsabilità di chi educa (e penso anche ai genitori in questo caso) se i ragazzi vengono lasciati soli nella crescita: soli nell’elaborare vissuti ed emozioni, che si accompagnano sempre quando stiamo in un processo evolutivo.

Spesso sento rispondere che i ragazzi vengono sollecitati all’autonomia, ma non può esistere autonomia senza un adulto che sappia accompagnare e spostarsi, a seconda della necessità: davanti, dietro, di fianco.

di Alessia Fedeli

Annunci

23 risposte a "Pensieri e domande aperte sulla scuola e sull’educazione."

Add yours

  1. Hi, I’m new to event organising and will be holding a small fair for one day this year, I want to invite a local specialist brewery to have a stall and sell their goods, what would I need to do for this? The fair is taking place at church halls and as far as I know they don’t have a litnace.chenks : )

    Mi piace

  2. 铭盛卡行(QQ1228557129)所出售卡均为一级卡源,全新无任何交易记录,资料齐全,真实身份办理,亦可指定名字办理,诚信淘宝担保交易! 例如—可以给你淘宝店刷提高您的淘宝信用记录。 例如—你想接受汇款,但又不想让对方知道自己的真实姓名。 例如—您想给领导送礼办点事情,但是又不想让自己的隐私暴露!这时您就需要到我们提供办理的卡,我们的卡可以让您随意的a转帐–送礼。给客户保密了隐私的同时也去除了客户的后顾之忧。本团队以真实代开卡【QQ:1228557129】办理、分别提供7大银行卡;中国银行—工商银行—建设银行—农业银行—交通银行—招商银行—邮政银行[网上银行(口令卡,电子证书,U盾)长期供应,保证全新开户,保证开户资料齐全,保证带真实有效开户原件,承接指定名字开户我们的宗旨是:质量+速度+信誉!我们希望与 有长期需要的客户建立长期合作关系,彼此信任,共同赢利。如有需要请联系!非诚勿扰! 客户的满意是我们的心愿欢迎光顾公司宗旨: 公司执行国家金融方针和政策,在法律、法规规定的范围内开展业务, 自主经营、自负盈亏、自我约束、自担风险、切实为小企业、农民、农业及农村经济的发展服务。公司文化: 诚信—用心做事,诚信为人 规范—规范管理,依法治企 高效—真诚服务,高效便捷 和谐—同舟共济,创建和谐公司口号: 以实力、效率立足于市场 用服务、便捷来赢得口碑 崇尚职业道德,遵守法律法规  急您所急、思您所思温馨提示:在本卡行购买的卡可用于收藏使用!

    Mi piace

  3. daki, kas sul iPod on? sest kui on, siis sul pole mitte eraldi diktofoni vaja, vaid üht pisikest jubla (kaubamajast saab, või siis vähemasti mina sain 2 aastat tagasi), mis käib iPodile taha ja mis salvestab kõike otse iPodi peale. minul on, ilgelt mugav ja lindistab hästi. ja pole vaja tegelda mingite lisaakude ja masinate ja värkidega – kui iPodil on aku täis, siis tähendab, et ka diktofonil on aku täis.

    Mi piace

  4. European, not “German.”Think of our own civil war and reconstruction era: the entity is Federal/national/Union, not Massachusetts or Ohio.We should be doing everything in our power to help Europe’s Yankee federalists consolidate power over their version of screen dead-enders.

    Mi piace

  5. “Still waiting for citations.”While refusing to give any.“Haaretz has obtained a written message from Haniyeh sent to Bush via an American professor who met with Haniyeh in the Gaza Strip. Haniyeh asked Bush to lift the boycott of the Hamas government and pressure Israel to maintain stability in the region.”

    Mi piace

  6. Hur f-n kan folk härinne förvara Hjalmar?? En av dom 2-3 bästa vä. backarna. SlÃ¥r 2.3 bra inlägg per säsong. Trög som en container, lÃ¥ngsam. Hur mÃ¥nga mÃ¥l bakÃ¥t har vi honom att tacka för+ Miljoner felpassningar. För h-e….

    Mi piace

  7. God anmeldelse, af et solidt album. Der er bÃ¥de mindre gode skæringer og rigtig gode numre. Karakteren passer fint, ville mÃ¥ske nøjes med en 4'er, men sÃ¥dan er det jo.Udover det, vil jeg kraftigt anbefale alle som læser dette, at tjekke det podcast ud, som "Anonym" ovenover mig snakker om – det er herligt.

    Mi piace

  8. 29 31-10-08 пишет: VIRzila, скачивай архив “FS03.2.rar” ZeeV, официальный релиз в России состоялся 28 октября. Был ли этот ответ полезным?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: