La lucerna

Aveva solo quella figlia. Ne ammirava i capelli color miele, gli occhi luminosi, le movenze leggere. Si compiaceva in lei e temeva il momento in cui la figlia l’avrebbe lasciata, magari per un amore. Ma poi si placava: era ancora bambina e lei, la madre, si consolava a guardarla. Sua figlia, l’unica gioia della propria vita.

Vedova da tempo, la donna si guadagnava da vivere con l’arte del cucito e del ricamo. Il lavoro non le mancava e manteneva se stessa e la figlia con sobrietà e decoro. La bambina non aveva capricci: alle bambole preferiva un gatto nero, capitato da loro casualmente. Giocava poi con gli insetti del suo giardino. Loro si incantavano a guardarla, gentile e aggraziata com’era. E si prestavano a servirla. Lei li disponeva in file, li accostava per colori e, finito il gioco, li ringraziava. Poi li lasciava andare. A qualcuno, un grillo ad esempio o una cavalletta, arrivava anche a baciare il capo. Il gatto assisteva placido, abituato da tempo a rispettare gli insetti, perchè la bambina glielo aveva chiesto.

“Entra in casa, arriva un temporale”, gridò la madre. Ma più rapido del suo timore, un rovescio d’acqua si abbattè sulla zona. Il giardino ne fu sconvolto e la bambina fuggiva a ripararsi, quando un tuono terribile scosse l’aria, terrorizzando il villaggio e i suoi abitanti.

La madre, spaventata dal clamore e non vedendo la figlia rientrare, uscì sotto la pioggia battente. Ma un urlo infantile la scosse: sollevò il capo e riuscì appena a vedere le vesti colorate della figlia avvolte dalle nuvole e portate verso il tumulto scuro del temporale. Il gatto nero sbucò da un cespuglio e le si attaccò alle gambe, terrorizzato e fradicio. La madre fissò il cielo, annichilita: la pioggia le sferzava il viso. E lei, sconvolta, capì: le nuvole e il temporale le avevano rubato la figlia.

La donna raccolse in una sacca quanto potesse servirle, chiuse la casa e, affranta, si mise in viaggio a cercare la figlia. Il gatto nero seguiva i suoi passi. C’era una vecchia, nel paese vicino, che dava buoni consigli in eventi disperati. Quella era la prima tappa del loro viaggio.

“Non sarà semplice” le disse la vecchia. “Le forze del cielo vorranno tenere tua figlia, bella come una fiamma. Ma tu cercala con speranza e coraggio. Ti dò questa lucerna: bada di non farla spegnere. Illuminando i tuoi passi, ti guiderà”. E, insieme, le diede un’ampolla con l’olio. La madre guardò quel chiarore. L’oscillare della fiammella aveva le stesse incertezze del suo cuore.

Camminarono per città e paesi, scrutarono ansiosi il cielo stellato, fissarono lo sguardo tra le nuvole scure. Chiedevano sempre di una bambina dai capelli color di miele. Lo domandarono agli uomini, alle donne, agli animali, alle querce dei boschi che attraversavano. E ai fiori, lungo i bordi della strada. Nel camminare, la donna non schiacciava gli insetti, grata della gioia che altri di loro avevano dato alla figlia, nel giocare in giardino.

La madre proteggeva cauta la lucerna e custodiva l’ampolla con l’olio, che alimentava quella luce. Quando dormiva, era il gatto che vegliava: i suoi occhi verdi riflettevano lo sfavillare oscillante della fiamma.

Andarono molto lontano. Quando sentiva la speranza attenuarsi, la donna fissava la lucerna e quel chiarore vivace le scaldava il cuore.

Passò del tempo e la loro ricerca si fece sempre più affannosa. Era giunto l’inverno e sembrava difficile proseguire, ma talvolta ricevevano ospitalità in casolari, dove famiglie contadine li accoglievano e gli donavano l’olio per la lampada. Quella notte, invece, nessuno si curò di loro. La donna si accostò al muro di una casa, trovando un angolo riparato. Il gatto, come sempre, sul suo grembo. Lei sentì che le forze la abbandonavano e che il freddo cresceva. Ma le sue mani tenevano stretta la lampada e quel calore la fece addormentare.

Riuscì anche a sognare: le parve che tante formiche e cavallette e grilli giungessero a lei e le portassero, trascinandola a fatica, una chiave d’oro. Una voce lontana diceva che quello era il dono degli insetti, perché la figlia li aveva amati e la madre li rispettava. Era una chiave fatata: con essa avrebbe aperto i cancelli del cielo e liberato sua figlia, prigioniera delle nuvole e dei temporali.

Si svegliò, scossa dal sogno, e vide accanto alla lampada una chiave, minuscola e tutta d’oro. Si guardò intorno, stupita, la raccolse timidamente e si domandò cosa dovesse farne. Non trovando risposta, guardò verso il cielo e chiese accorata che le venisse finalmente restituita la figlia. Allora, davanti ai suoi occhi attoniti, le nuvole discesero piano e formarono un cancello, chiuso e possente. Incerta, lei mise la chiave nella serratura e con qualche fatica riuscì ad aprire…

Il cancello infine si spalancò e lei e il suo gatto, trepidanti, lo oltrepassarono. Dentro, una visione terribile e bella: nuvole e arcobaleni, tuoni e bufere di vento, piogge battenti e uragani. E in fondo, sua figlia. Allora finalmente la bambina potè correrle incontro e la madre la strinse perdutamente. Si guardarono incredule: e ridevano e piangevano insieme.

Allora sentirono la voce potente delle forze del cielo.” Andate”dicevano” meritate la gioia. Volevamo tua figlia, bella come una fiamma, ma le formiche e le cavallette e i grilli hanno chiesto che venisse resa e ti hanno recato la chiave fatata. Tu donaci, però, quella lucerna. Così ricorderemo lo splendore della bambina”.

Senza esitare, la madre posò sulle nuvole dense la lampada accesa.

Quelle si rallegrarono ad avere la lucerna, ne ampliarono la luce, ne allungarono la forma, le diedero una coda scintillante. Ne fecero una stella cometa. E la posero proprio in mezzo al cielo.

Brillò luminosa e splendente, come quella che sfolgorava nella magica notte di un inverno, ormai molto, molto lontano.

di Gloria Lai

 

photo in evidenza Francesco Speziga

photo nell’articolo Marcello Piu

Annunci

32 risposte a "La lucerna"

Add yours

  1. RICARDO / pra min e pelo ar e pelas arvores que tinha nessa epoca era uma epoca que era tudo natural o ar era maior que hoje se nao fosse o homen poluir o nosso ar nos poderiamos viver mais tempo cosetrecnaGostei deste comentário ou não: 2

    Mi piace

  2. Jön még kutyára kamion! :-)Sajnálom, hogy így alakult, Te tudod, én még mirÅ‘l is lemondtam, és miért.De mondom, jön még kutyára kamion! :-)succubus…A baj csak az, hogy az a “nem sokan” elhiteti az illetÅ‘vel, hogy valóban az – “zseni” -, és a közönségnek “kell || nem kell” alapon azt kell majd olvasnia, tehát – ok-okozat ugye – azt hiszi, hogy az a magyar Science-Fiction.Ha el is fogadja, az a tragédia!

    Mi piace

  3. This lady is a friend. I never thought she would do anything like this, but I had a police officer friend do the same thing last year. We made fun of him together so I thought she would be smarter than this. Contact me if you would like her phone number or address. She deleted her Facebook account about 1 week before this story came out. On twitter she goes by @cptmommy.

    Mi piace

  4. professional and organised.5. pictures and videos, not…too much or your page will become clustered. adding appropriate videos and pictures can really liven up a website/blog and make it more interesting for the readers, however do not use videos and pictures in place of well written content and…

    Mi piace

  5. Just whipped up two of these in about 3 hours! Our daughter just told us she is expecting #1, and we are headed to see her tomorrow, so wanted a cute gift- one pink, one blue! I actually made them two layers, one flannel, one cotton print. Made it easy to stitch and flip, then sewed a line around the edges to hold. Thank you for the pattern![]

    Mi piace

  6. una chica estupenda dedicando sus horas libres para ir a cuidar, limpiar, pasear y sobre todo mimar a los animales que están solos, ójala haya muchas como ella, me ha gustado mucho su historia sobre el regalo que tuvo en su primera comunion, animos. los perros son extraordinarios.

    Mi piace

  7. I think the real question is whether the govt will be able to expand these services to the rest of the uninsured throughout China and on top of that, whether these programs are sustainable in the long run. I don't think the video was clear as to how the funds are obtained and allocated. I also couldn't help but notice that the documentary was produced by CCTV; couple that with the overly-laudatory tone of the video and it almost feels like a government endorsement…

    Mi piace

  8. Very good blog! Do you have any tips and hints for aspiring writers?I’m hoping to start my own blog soon but I’m a littlelost on everything. Would you advise starting with a free platform like WordPress or go fora paid option? There are so many options out there that I’m totally confused .. Any ideas? Thank you!

    Mi piace

  9. I, for one, do not disagree with Czysz’s stance on the TTXGP. I believe he meant that competition is good, but the TTXGP was drummed up too much and expectations were too high, leaving spectators with a negative first impression. Possibly run races at smaller tracks, or on weekends without high profile races, but keep the fledgling technology out of the general public’s eye until it is viable.

    Mi piace

  10. TAK PAYAH BISING2. KOMA PAKAT BUAT SEMBAHYANG HAJAT. KALAU SIAPA BUAT SALAH . TUHAN AKAN TUNJUK SEGERA SEKARANG. DOK MENGATA / FITNAH / BUAT CERITA. ISLAM SURUH MACAM NI KA. KITA PAKATAN MANYAK OLANG ALIM/TOK2 GURU. BUAT BACA YASSIN. HAAAI MELAYU OH MELAYU. TARAK MALU SAMA BAngsa cina kaaaa. ahchong

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: