chanceedizioni@gmail.com

Rubrica (D.)’Ispirazione

Rubrica (D.)’Ispirazione

Rubrica (D.)’Ispirazione

Ispirare per ispirarci: quando le storie altrui ci spingono a scrivere e a scriverci.

 

C’è stato un momento

in cui ti ho visto

e mi sono sentito

forte e reale e vivo

 

avevi un rossore

sulle labbra

e sulle guance

 

il mondo stringeva

e tu illuminavi

 

Marco Polani

 

Ispirazione: SENZA SANGUE di Alessandro Baricco

 

Ci sei mai stato all’inferno?

Perché mi fai questa domanda?

Rispondi: ci sei mai stato?

Sì. Tu?

La risposta già la sai.

Mi ci hai portata tu.

 

Sono nascosta qui da un pezzo, le gambe e le braccia a comporre un cerchio, perfetta armonia dentro al vuoto, dentro al caos.

A qualche metro sopra di me sento mio padre e mio fratello morire, sotto la raffica delle mitragliatrici, sento i vetri farsi frammenti di luce mentre esplodono, sento spari e silenzi.

Spari e silenzi.

Nessuno colma gli spazi intermedi di questa melodia distorta, così inizio a cantare una vecchia canzone, mi dico che uscirò da qui una volta finita, ma la canzone continua, mi vengono sempre in mente parole nuove da mettere in fila.

E una filastrocca, è una conta, è un gioco che non voglio smettere.

Gli spari finiscono, le urla non si sentono più, mio padre e mio fratello sono altrove, io sono qui sotto terra e la canzone non accenna a terminare.

Sento ad un tratto dei passi che non conosco, che non voglio riconoscere; sono svelti, sanno di giovane, sanno della fretta di trovarmi.

Il mio nascondiglio sicuro diviene cartapesta, diviene fumo, e la botola si apre, ed un ragazzo mi guarda.

I miei occhi neri dentro ai suoi, mentre rimango composta, nella mia posizione esatta, perfetta, completa.

I miei occhi dentro ai suoi, il suo inferno che si fonde al mio.

Mi sembra che mi capisca, mi sembra quasi che mi voglia salvare.

Il ragazzo chiude la botola, i suoi passi si fanno lontani.

Rimango sola nel silenzio.

Poi, tutto si fa fuoco, tutto si fa nero.

 

Ci sono alcuni inferni che non ci abbandonano, possiamo lasciarli sopiti in noi stessi per anni, abituarci alla loro presenza, addirittura per alcuni attimi dimenticarceli, ma sono destinati a tornare, con ferocia, a farci scivolare lenti dentro la botola dentro cui ci proteggiamo per non doverli vedere.

Ci sono altri inferni che invece divengono il motivo per cui viviamo, per poterci vendicare di chi ce li ha fatti conoscere, di chi ci ha condannati alle fiamme.

 

Ti ho cercato a lungo, o forse no, magari in realtà ho sempre saputo dove fossi, ma ho aspettato di divenire vecchia per guadarti di nuovo, per vedere se, nonostante tutto, il nero dei nostri occhi uniti potesse ancora combaciare, se le nostre solitudini potessero assomigliarsi di nuovo.

Siamo io un fantasma e tu un morto vivente, abbiamo smesso di vivere da tempo, eppure siamo qui, davanti ad una bottiglia di vino in una caffetteria in centro, dove tutto è illuminato, dove tutto è così diverso da noi.

Siamo quello che c’è sempre stato, sotto la carne, nelle fibre dell’essere, quello di cui non hai parlato mai a nessuno.

Io sono la vendetta, tu sei la vittima, il vino scorre nelle vene e tu mi racconti la mia storia, quella che conosco bene, ma che voglio sentire da te.

Le tue parole sono velluto pesante che non riesci a soppesare, mi racconti e stai male tu, come se la mia storia uscita dalle tue labbra potesse ferirmi più di quanto non abbia già fatto.

Mi fai sorridere, Tito, nella tua ingenuità.

Continui a raccontarmi, mi chiami con tutti i nomi che mi sono stati dati per farmi dimenticare quello vero, forse perché sapeva troppo d’innocenza, per poterci chiamare la vendetta.

Mi hai raccontato tutto, non hai smarrito nella mente nessun dettaglio; sei vecchio, ma il sangue ancora lo ricordi, il cuore ancora ti batte forte in petto.

Piangi le lacrime che non hai mai versato, piangi ogni goccia come una preghiera, al ritmo di tutte quelle volte in cui avresti voluto raccontare a tutti che ancora ci fossi io nella botola, mentre facevate saltare in aria tutto quanto, compresa la mia anima.

Piangi l’amore che non hai mai saputo donare, piangi l’onore, gli ideali che pensavi buoni a costo di uccidere, piangi il mondo migliore che hai sempre sognato, piangi la guerra, quella che non è mai finita.

Ti guardo e so che è giunta l’ora, so quello che dovrei fare.

Ti chiedo di fare l’amore con me, tu ti stupisci, ma mi segui comunque.

L’hotel California ci illumina, siamo lame di luce, come i vetri che saltano quando qualcosa esplode, siamo nudi e vivi, mi stringi la mano, mi consegni a fior di labbra il tuo vero nome, come un testamento, come se già sapessi pure tu quel che ti aspetta.

Ed io, io non ti uccido.

Mi accoccolo lieve, le mani fra le gambe serrate, le cosce unite.

Mi appoggio alla tua schiena e ritrovo il mio posto, dove tutto è esatto, perfetto, completo.

Mi addormento.

Ti uccido così, senza sangue.

Ti costringo a vivere insieme a me l’inferno.

Quello che anche tu hai costruito.

Quello da cui, per un attimo, mi hai salvata.

 

di DIletta Ziveri

 

photo JoyHope Rule

 

Nessuna risposta.

  1. Twiggy ha detto:

    the link to hot air was revealing. read the comments by those fools, they are blaming democrats for the immigration bill that W is jamming down their throats. how naive are these mindless little children? oh yeah, they voted for w.ew..t.ic..

  2. Może nie wklejaj jutro rano niczego nowego.Nie masz jak pilnować i znowu wszystko pójdzie w mikisy i ateistów.Ale to z mojej strony tylko takie może.Zrobisz jak będziesz chciał.Nie znam się.

  3. wah, entri yg menarik. dah lama tak merasa duduk dalam gelap. tido pun pasang lampu sisi. sekali sekala bergelap seronok juga tapi tak tahan dengan nyamuklah.. Amirez recently posted..

  4. I read the books in the “chronological” order (purchased the box set back when I was psychotic about owning all these things first-hand). I think I have a greater appreciation for the series because I *didn’t* start with the most well-known one. I think it’s a fantastic series. And I can’t wait to read it with my boys!I enjoyed the movie, too, I think – but didn’t see the second one.

  5. Uiiiiiiiiiii ist das ne hübsche Karte. Die Spitze ist spitze. Woher kenne ich die bloß??? Achja, mein Windlich hat auch so eine tolle Spitze dran. GLGRegina

  6. That’s way the bestest answer so far!

  7. dit :Ce n’est que la deuxième édition et à cette occasion, nous avons rajouté 2 nouvelles catégories! Nous aimerions élargir le concours à toutes les passionnées de couture…alors patience patience..Sylvie.Merci pour votre engouement et votre commentaire.A bientôt

  8. Sascha Pallenberg sollte sich einmal fragen was er mit solchem Emails anrichtet. Speziell als Familienvater tut es mir sehr Leid, wenn jemand seine Lebensgeschichte im Internet posten muss, weil ein gelangweilter Querkopf die Presse mit seinem neuen Projekt vertraut machen will. Traurige Gestalt.

  9. This posting knocked my socks off

  10. Deep thinking – adds a new dimension to it all.

  11. zegt:Ik heb hetzelfde probleem ,de duurste koel vries combi gekocht van leiberr.48 uur laten ontdooien zegt de monteur dan is het probleem zeker opgelost ,Ik zag met de dag dat er ijs bij kwam ,het lekt.kan de onderste la niet gebruiken .Wordt elke dag meer.   1 likes

  12. « bas les pattes..espèce de gros cochon » « Prouver que j’ai raison serait laisser entendre que je peux avoir tort »« je me le suis tatoué sur le cul »« ..aussi je te dévoile mon intimité »« Tu veux ou tu veux pas ! »(Marcel Zannini)

  13. Even more, in effect they are actually far worse for you and the environment. Organic farming uses substances long passed over for superior and less harmful effects but because of the ideology the organic farmer won’t use these superior compounds. Organic is a giant scam, used to bilk the foolish out of extra money.

  14. Thanks for helping me to see things in a different light.

  15. – Wow Wow Wow…these are amazing – I love every single one of them! I would have to pick #2 as my favorite though – where they are locking arms in that circle…what a fun couple!

  16. Juliana Fermanian comentou em 6 de julho de 2012 às 14:27. Acredito que quando se tem a idade da felicidade, tudo queremos ter, tudo queremos poder ser. Infelizmente a maioria das jovens não conseguem desarticular o ser e o ter de maneira consciente.A vida pode e deve ser vivida inteiramente daquilo que nos faz feliz, mas que de modo algum isso venha contribuir para o desequilibrio entre as pessoas. Texto muito bom. Abraços para a autora.

  17. Have you ever thought about including a little bit more than just your articles? I mean, what you say is fundamental and everything. But think about if you added some great images or videos to give your posts more, “pop”! Your content is excellent but with pics and videos, this website could undeniably be one of the very best in its niche. Great blog!

  18. fan van het eerste uur – 16 april 2012 15:07Het, zoals jij het zelf noemt mini-optreden van zaterdag 14-april, was heel mooiDank daarvoor!!!

  19. You write so honestly about this. Thanks for sharing!

  20. Hej Steffen DamsgaardJeg vil lige understrege at nedsivningsanlæg ikke producerer biomasse og de er derfor ikke energiproducerende som f.eks pilerensningsanlæg. Men de er langt mindre energiforbrugende end kommunale løsninger. Og så det åbne spørgsmål vedrørende nedsivningsanlæg: Hvor længe får man lov til at aflevere fosfor til nedsivning?mvhPeder Gregersen

  21. Big help, big help. And superlative news of course.

  22. И , вообще-то , кого набирают в присяжные ?! Такое ощущение – что,кого-надо , того – и набирают!А ВОТ КТО НАБИРАЕТ – ЭТО —————- ПОНЯТНО……………………………………………………………..!!!!!VA:F [1.9.20_1166]please wait…VA:F [1.9.20_1166](from 0 votes)

  23. Holy bajeebus 70C?! Actually I had some drama a few weeks ago with my Macbook pro… the battery did the exploding thing! I can’t believe how hot they get >_< I actually have a mini tray table (one of the ones with a bean bag on the bottom) so I don't get burned in bed!

  24. à°—ాà°°ు " ఏ à°°ాజమంà°¡్à°°ిà°¨ో à°•ాà°•ిà°¨ాà°¡ో à°…à°¯ిà°¨ా à°µెà°³్à°³ి à°‰ంà°¡à°—à°²ిà°—ిà°¤ే à°¬ాà°µుంà°Ÿుంà°¦ి"à°ˆ à°’à°•్à°• à°®ాà°Ÿ à°šాà°²ంà°¡ీ à°¨ాà°•ు à°ªంà°¡à°— à°šేà°¸ుà°•ుà°¨్à°¨ంà°¤ à°«ీà°²ింà°—్ వచ్à°šింà°¦ి. :))) à°…à°¯ిà°¨ా à°°ాజమంà°¡్à°°ి, à°•ాà°•ిà°¨ాడలలో à°•ూà°¡ా à°°ేà°Ÿ్à°²ు à°…ంà°¤ తక్à°•ుà°µేà°®ీ à°²ేà°µంà°¡ీ. à°•ాà°•à°ªోà°¤ే à°‡ంà°•ా à°ªంà°¡à°— à°µాà°¤ావరణం à°ªూà°°్à°¤ిà°—ా à°ªోà°²ేà°¦ంà°¤ే.

Rispondi