Che vuoi che sia, se non sai cosa vuoi

Abito sul dorso del tuo libro, la verticale tra gli scaffali della sala.

Quello che mi leggi con cura prima che mi addormenti sul fianco sinistro del letto, quello che mi hai regalato da un cassetto aperto, per la parola d’ordine che si è fatta combinazione.

Ho le sponde del cuore tornite e rosee, che indicano la dose di morbidezza che mi serve per farmi felice. Faccio il tepore dei fiori in dicembre, quando giacciono magri tra gli angoli sorretti da mura basse.

Mi inclino, poi, verso tarda sera, alla prospettiva dell’attaccapanni che ruota di quaranta gradi verso l’ingresso.

Dopodiché penso.

Mi sporgo efficacemente dai nascondigli costruiti nei secoli addietro, curvi tra compartecipazione ed affronto, che emergono saldi in cerca di rispetto da concepire; sbrindellati dalle considerazioni altrui, denutriti dai giuramenti traditi, scollati dalle realtà oggettive a portata d’inconscio, parsimoniosi di vendetta.

Fraddamente mi accendo una sigaretta.

Lì per lì sembrerebbe che non m’importi d’incanalare le voci che provengono dal futuro. Chiudo in fuori le spalle, scrollando gli indolenzimenti, e mi avvicino allo spazio che tu percorri trasognato.

Così, mi fai ricordare.

A trent’anni mi è capitato.

Bighellonavo, dopo un lungo periodo di torsioni inutili, fino a concludere il rendiconto delle magie che mi avevano fatto apparire sempre più chiara la strada che mi faceva sentire in rinascita.

Ciò nonostante, dentro ai miei occhi, avevo polvere conservata di rimpianto mista a neve. Un giorno la feci calare e, altrettanto freddamente come ora, dissi a voce alta il mio nome.

Mi presentai a te.

Oggi, sono qui che ricavo dieci minuti dalle ore d’adolescenza che vivo, mica tanto sovente come vorrei. Lamento, anch’io come molti, la mancanza di tempo, di coraggio, di esternazioni, di presenza. Faccio una croce sul petto, e prometto alla mia immagine di non divagare come dovrebbe, se ascoltasse le solite cose che provengono da chi, in pianta stabile, si è arreso ormai a com’è fatto.

No.

Mi do’ nomi consistenti come corteccia che graffia, come rumori spaventosi che braccano le posizioni di chi riposa, come aggettivi da colorare in un verso solamente o disegni che non rappresentano niente, confusi finché il tratto non distingue la figura di una premonizione.

Dicevo che stavo persa, quando sai cosa significa smarrire un senso di pace, e preoccupata – anche – di come si sarebbero messe le cose.

L’ordine predefinito non mi ha mai convinto a diventare ordinata. Semmai metodica e selettiva, individualista in un’ottica collettiva.

Tu prendesti per mano l’incertezza prepotente che riconosco diffusa, ai giorni nostri, tra i picchi di chi conserva e di chi progredisce, di chi si limita e di chi osa spingere, di chi sacrifica e di chi obietta sempre.

Allora, il tuo visto mi è apparso pulito e definito, tra stelle alte quanto arrivabili, percorse da scariche elettriche ed incendiarie, a sfondo ricreativo, per giocarci a dadi, a dubbi, a doveri e desideri.

Era incomprensibile, di colpo, trovarmi ad esaminare tanto percorso lasciato al caso di certe scelte che ho ricevuto, da che ne ho memoria, come compiti presi perché fruttassero maturazioni.

Probabilmente, mi sono scossa dal torpore che aveva attanagliato alcuni punti fermi. Ed hanno vacillato, come ha vacillato il mio stomaco e le mie emozioni.

Di punto in bianco.

Sono partita così, a cercarmi nel buio.

Ed è stato proprio ad un’età che ripercorreva gli anni a ritroso, fraintesa sempre meno e sempre più vincente sulle distanze.

Se ci fosse stato un premio, avrei optato per guadagnarmi un ritrovo.

Non sapevo, non so, non ho saputo.

Troppo spesso mi sono fatta scudo delle stesse domande che ponevo.

Mi è capitato, e non saprei spiegarlo altrimenti, con la poesia – tutta – vittima degli avvenimenti, complice degli istinti, madre degli studi che ho impiegato per capire le storie degli altri.

A me, così è stato, è arrivato di volere senza averlo mai voluto.

Ed ho capito – finalmente di me – almeno una prima parte, una piccola parte.

Dopodiché penso.

Al dorso del tuo libro, alla verticale tra gli scaffali della sala, al fianco sinistro del letto, alla combinazione; penso alle sponde del cuore, al tepore dei fiori in dicembre, ai quaranta gradi che mi separano da te.

Non è un sogno, che sia un sogno, la lettura che mi fai prima che mi addormenti dove abito.

Ogni sera, da quando conosciuto ciò che voglio.

 

di Rossana Orsi

 

photo Joy Hope Rule

Annunci

48 risposte a "Che vuoi che sia, se non sai cosa vuoi"

Add yours

  1. Scritto meraviglioso! L’ho sentito vero, vivere.
    Frasi che avrei sottolineato: “Troppo spesso mi sono fatta scudo delle stesse domande che ponevo. “Mi è capitato, e non saprei spiegarlo altrimenti, con la poesia – tutta – vittima degli avvenimenti, complice degli istinti, madre degli studi che ho impiegato per capire le storie degli altri.” Ma, in generale, è un testo ricco di poesia, tenerezza, coraggio.

    Mi piace

    1. Non so che dire e vorrei invece saperti esprimere il mio piacere. Grazie del tuo commento e, ancor prima, della tua lettura sempre attenta. Grazie, sì. (Ros)

      Mi piace

      1. what gives this man and his ilk the right to oppress children? because that is what this is up front no holds bars fascism not a word i use lightly but imagine the uproar if romney did the same to parents who were black and white? ffs wake up america

        Mi piace

      2. Zitat: “Mutter Erde: Schon seit Jahren rätselt die Menschheit über die Ereignisse, die für den 21.12.20012 um 21:12 Uhr erwartet werden beziehungsweise mehrfach geweissagt worden sind.”Na, dann haben wir ja noch ein paar Jahre Zeit uns darauf vorzubereiten.

        Mi piace

      3. Very interesting! I was already a fan of Emoto, and 1 year ago bought an Enagic water ionizer. I had had severe health problems, which were eradicated within weeks of drinking this alkaline, antioxidant, micro-clustered (reduced surface tension) Kangen Water. This medical-grade machine has been used in hundreds of Japanese hospitals for 35 years, and is now changing people’s lives in profound ways, all over the world. The technology was invented by the Russians, then later developed in Japan. I’m glad to see that the research has continued in Russia!

        Mi piace

      4. Wow that is fascinating! My son has made me show him and his brother more than 3 times now, they are so interested in the egg, well off to google some more facts on it as I have no clue. So excited you posted this!! My little guys thank you too =)

        Mi piace

      5. There is something we have to clean out of ours every so often. My husband uses q tips for the cleaning. Some times we cant get the hot. Other times it’s the cold. Try another cleaning. We have to do it often. Was this answer helpful?

        Mi piace

      6. A small correction. My paragraph said: “Electric plants in Texas (population 25 million) emit as much CO2 as electric plants in the COMBINED states of New York, California, Florida, Massachusetts and Oregon (population: 86 million) “. (Maybe you were looking at a version before I doublechecked everything).

        Mi piace

    2. Hey there, I think your site might be having browser compatibility issues. When I look at your blog site in Firefox, it looks fine but when opening in Internet Explorer, it has some overlapping. I just wanted to give you a quick heads up! Other then that, terrific blog!

      Mi piace

    3. Pour être tout à fait complet, il faut lire plus haut:“…celui qui se placerait dans cette situation verrait l’autre choisir alors la décision qui lui donne un avantage supplémentaire (ex:pécuniaire)”,…et renvoie l’autre en prison avec une pénalité supplémentaire (ex:judiciaire).”

      Mi piace

    4. Bluetooth headset use with hearing aidI live in PA and travel to NY often, both states have hands free laws. I just got hearing aids and my bluetooth headset for my cell phone is no longer comfortable to use. I have the Resound dot hearing aids which are tiny over the ear aids. Any suggestions?Age is not a factor in my case. It is congenital hearing loss.

      Mi piace

    5. ‘할수 있다는 확실성’보다 ‘삶에 대한 조금 더 많은 ë°°ë ¤’ ‘미래에 대한 약간 헐거운 기대’ ‘예상할 수 없는 것에 대한 조금 더 많은 관용’ ‘약간 더 적은 희망적 사고’스콧의 ì±…, 읽어봐야겠습니다.군부독재, 정계야합으로 밀어부친 토건사업 그리고 해외전지파병으로 지난 시대 일군 그리고 2012ë…„ 오늘에도 벌어지는 ì € 많은(오늘 박모 씨는 ‘본의아니게’라는 표현을 썼다죠)‘폭거’와 ‘비행’을우리 ì•„ë‹Œ 다음 세대 역사는 무어라고 또 할는지.

      Mi piace

    6. 12/12/2010 Р7:09pmSigo esperando que alguien me explique que hace Butrague̱o en el Madrid,cuanto cobra y por que Cementino Perez regala tan alegremente el dinero de los socios de Real.Por que hasta ahora en todos estos a̱os yo solo recuerdo de el lo que dijo de que el jefe es un ser superior,entonces debe ser eso,cobra un dineral por ser un pelota.Ay Buitre,con lo grande que tu fuiste

      Mi piace

    7. You have done a marvellous job by exploring this subject with such an honesty and depth. Thanks for sharing it with us! If you use it correctly, you can drive enormous amounts of traffic to your website, blog, or other marketing media.

      Mi piace

  2. Thanks for sharing superb informations. Your web-site is very cool. I am impressed by the details that you’ve on this website. It reveals how nicely you understand this subject. Bookmarked this web page, will come back for more articles. You, my pal, ROCK! I found just the information I already searched all over the place and simply codn&lu#8217;t come across. What a perfect website.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: