VOGLIO FARMI UNA FAMIGLIA!

Mi capita spesso di sentire quest’affermazione nel corso dei colloqui clinici.

Soprattutto le donne (ma anche gli uomini), a un certo punto della vita, decidono che è giunto il momento di farsi una famiglia.

Sembra che la famiglia sia un obiettivo quasi inevitabile!

 

Personalmente, considero la decisione di farsi una famiglia, molto insidiosa e psicologicamente scorretta.

Non credo, infatti, che una famiglia si possa FARE.

Penso che una famiglia SUCCEDA.

Cioè, nel corso della vita può capitare… di trovarsi in mezzo a una famiglia.

Ma, prima di affrontare questo spinoso argomento, occorre stabilire cosa s’intende dicendo famiglia.

Solitamente le persone che decidono di farsi una famiglia, associano alla parola famiglia l’immagine di un padre e una madre con dei bambini… un po’ stile Mulino Bianco.

Non tutte le famiglie, però, sono composte così.

La famiglia è un insieme di persone che, spesso, condividono rapporti di parentela, ma non sempre e non necessariamente.

Ci sono famiglie che sono tali pur non avendo nessuna parentela. Basta pensare alle unioni di fatto.

Ingiustamente, nell’immaginario comune la parola “famiglia” ha come corollario il matrimonio. Però, il matrimonio è un contratto legale mentre “famiglia” indica un legame affettivo molto stretto.

I legami esistono a prescindere dai contratti, seguono regole emotive e cardiache e se ne infischiano delle norme  giuridiche.

Le persone che condividono insieme le difficoltà e le gioie della vita, formano una famiglia anche se non si sono mai sposate tra loro.

Ciò che oggi chiamiamo “famiglia”, è un insieme molto più plastico, permeabile ed emotivo, di un tempo.

Ci sono genitori che, senza essersi mai sposati, condividono la responsabilità dei figli avuti insieme.

E ci sono genitori che, essendosi sposati, combattono una guerra fredda dentro le mura domestiche, coinvolgendo anche i figli in lealtà e schieramenti di parte, dolorosissimi e psicologicamente devastanti.

Ci sono famiglie che crescono figli avuti con altri partner.

E ci sono genitori che abbandonano i figli insieme al partner, per costruire famiglie nuove con partner nuovi.

Ci sono poi, persone che condividono la vita, senza avere nessuna consanguineità, nessuna parentela legale e nessuna sessualità insieme. Persone che, semplicemente, si scelgono per un impulso del cuore al quale non possono sottrarsi e che costruiscono legami il cui unico collante è la reciproca affettività.

 

Famiglie di fatto, unite dal volersi bene e dall’amicizia, formano unioni che durano nel tempo, senza burocrazia e falsi sentimentalismi, senza altri obblighi che la spinta emotiva dell’anima.

Il cuore non ragiona. Segue l’istinto e non si può programmare.

Per questo l’affermazione “voglio farmi una famiglia” è insidiosa e psicologicamente scorretta.

Non rispetta le leggi dell’amore.

Non si può fare una famiglia, come fare un’assicurazione, come fare un lavoro o come fare una vacanza.

La famiglia non è un bene di consumo, acquistabile e programmabile.

La famiglia è la conseguenza di un volersi bene che spinge a camminare insieme, per un tratto o per tutto il percorso della vita.

Può succedere che ci si ritrovi a vivere con qualcuno che condivide con noi la sessualità, la genitorialità, l’amicizia, la responsabilità e la tenerezza… per tutta la vita.

Può succedere che, invece, ci si debba separare fino a perdersi di vista… per sempre.

Perché famiglia è anche distacco.

E’ sapersi allontanare, quando il cuore segnala il cambiamento.

E’ trovare il modo di crescere dei figli insieme, senza dover per forza vivere insieme.

I legami cardiaci non hanno bisogno di garanzie, si formano e si sciolgono senza che la ragione possa farci nulla.

 

Costringere il cuore dentro rapporti pensati a tavolino, inevitabilmente fa ammalare.

Soltanto l’amore può tenere insieme le persone (senza bisogno di contratti… né di ricatti).

Il cuore non è normale.

E’ vero.

di Carla Sale Musio
http://carlasalemusio.blog.tiscali.it/2011/12/27/voglio-farmi-una-famiglia/

 

photo di Marcello Piu

Annunci

18 risposte a "VOGLIO FARMI UNA FAMIGLIA!"

Add yours

  1. LOL, thanks! Well first time for fireworks – I know my way around my camera so it was just a bit of trial and error to get the right settings. Thanks again for your enongrauemect, it’s made my day!

    Mi piace

  2. Well yes, I know the Note II uses RGB (which increases the perceived PPI by about 1/3) but 267ppi is still visible; and that 400 nits is enough to see in direct sunlight. But for arguments sake, it’s not as good as 326ppi (RGB), and 550 nits of the iPhone 5. The Note II does have the best display for viewing though, out of any phone due to its size, true blacks, contrast, and improved color-balance (over the cold or green colors of PenTile matrix of AMOLED past).

    Mi piace

  3. I’m going to cry! I’m running the NY marathon in 2 weeks, and donated blood today. I had no idea! I thought i’d be fine in 24 hours, and now I’m so worried. I’m not super fast or an elite runner or anything (10 min. miles is what I do), but I worked so hard to get here! 😦

    Mi piace

  4. Hola! ante todo un cordial saludo. Estoy interesado en saber como manejan lo de las entrevistas ya que quisiera trabajar en Alemania. Soy informático, manejo el inglés perfectamente y me gustaria saber que posibilidades hay de trabajar alla en mi area.

    Mi piace

  5. he,The Nationals were very good. The only problem, I had some “genius” from one of the IB’s next to me. Crying about his stocks and RE. He is getting hammered. He asked me what I owned. I told him I was long stuff and short bluff/fluff and puff. He looked at me like I had ten heads. He then actually asked what the symbol of stuff was. No s*it, pulling down big bucks, living pay check to pay check and totally clueless. Charts starting to form a triple bottom. What happens when that fails?

    Mi piace

  6. An stimulating treatment is designer annotate. I suppose that you should write statesman on this content, it power not be a bias someone but mostly people are not enough to speak on specified topics. To the succeeding. Cheers like your Warm Welcome – Glasgow Recycling.

    Mi piace

  7. Θέλουμε να βοηθήσουμε, αλλά δεν ξέρουμε πώς.Τι ζητάτε για να δούμε πόσοι και ποιοι από εμάς μπορούμε να συνεισφέρουμε.Μακάρι να σωθεί η Πατρίδα των προγόνων μας και των παιδιών μας. Η δική μου γενιά……τα θαλάσσωσε λιγάκι.

    Mi piace

  8. Desgraciadamente a mí también hay cosas que se me escapan. Creo que Domenicali es un blando que nada tiene que ver con la labor que desempeñaba Todt, un cabrón como dios manda. El buen corazón en la F1, se paga y caro.Cosas como lo de Silverstone 2011 (posibilidad legal de restricción de soplados) no son entendibles. En fin…Que sea lo que tenga que ser.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: