Conti i passi

Conti i passi, conti le strade.

Conti le ore che passano, le gocce che prendi.

Conti gli amori passati – due, tre volte – che nei ricordi non ne sfugga nessuno.

Conti la paura che ti separa dall’azione; conti i colpi che hai ricevuto e quelli che non sei riuscita a dare.

Conti le dita delle tue mani segnate; conti le nuvole nel cielo, le ore che passano e che ti dividono da quel momento; gli sguardi che cogli per strada e quante scarpe vedi quando tieni gli occhi abbassati.

Conti i nodi nella gola e tutte le volte che, per farli scivolare giù, alzi gli occhi al cielo.

Riconti le carezze che gli hai dato; con la lingua ti conti i denti – una, due, dieci volte – e conti ogni volta che distogli gli occhi dalla gioia, che sarebbe un altro nodo alla gola da contare.

Conti anche i sorrisi, quando scrivi, mai meno di uno e mai più di due.

Solo una cosa non conti mai: le lacrime.

testo e foto Caterina Bilabini

 

Visita su Facebook

https://www.facebook.com/31maggio-755028954559064/?fref=ts

Rispondi

Related Post

I capelli

Si erano conosciuti da bambini. Abitavano a due portoni di distanza, stessa scuola elementare e le loro famiglie che si frequentavano la domenica. Poi l’adolescenza, le prime attrazioni nel guardarsi

I SOGNI: IL CARBURANTE PER LA NOSTRA ANIMA

La vita. C’è qualcosa di più meraviglioso della vita? Un bambino che nasce è luce pura e bellezza candida, una lavagna nera pronta ad essere riempita di esperienze ed emozioni.

IL PESO DEI RICORDI

È che da quando non ci sei le estati sono sempre troppo lunghe e troppo calde. Sento la mancanza dei tuoi sorrisi, delle giornate passate in montagna, delle risate, dei