Conti i passi

Conti i passi, conti le strade.

Conti le ore che passano, le gocce che prendi.

Conti gli amori passati – due, tre volte – che nei ricordi non ne sfugga nessuno.

Conti la paura che ti separa dall’azione; conti i colpi che hai ricevuto e quelli che non sei riuscita a dare.

Conti le dita delle tue mani segnate; conti le nuvole nel cielo, le ore che passano e che ti dividono da quel momento; gli sguardi che cogli per strada e quante scarpe vedi quando tieni gli occhi abbassati.

Conti i nodi nella gola e tutte le volte che, per farli scivolare giù, alzi gli occhi al cielo.

Riconti le carezze che gli hai dato; con la lingua ti conti i denti – una, due, dieci volte – e conti ogni volta che distogli gli occhi dalla gioia, che sarebbe un altro nodo alla gola da contare.

Conti anche i sorrisi, quando scrivi, mai meno di uno e mai più di due.

Solo una cosa non conti mai: le lacrime.

testo e foto Caterina Bilabini

 

Visita su Facebook

https://www.facebook.com/31maggio-755028954559064/?fref=ts

Rispondi

Related Post

Quelle dita tra i capelli – parte quarta –

Iniziò per gioco, di nuovo. Eravamo lontani, infiniti quei chilometri tra di noi. Ti dissi che avrei viaggiato, che avrei girato l’europa per iniziare e il mondo intero per continuare.

IL BIVIO

Amo il rumore dei passi sull’asfalto, il loro ritmo, la cadenza tipica della camminata veloce. La faccio quasi tutte le mattine, abbastanza presto, nell’ora che riesco a ritagliarmi prima che

storiella

Un sospiro alla volta, contiene meno di quattordici parole. Me l’ha detto l’aria – che non era un segreto – ma non ho nemmeno provato ad espirare. Fiducia. Se contassi