Conti i passi

Conti i passi, conti le strade.

Conti le ore che passano, le gocce che prendi.

Conti gli amori passati – due, tre volte – che nei ricordi non ne sfugga nessuno.

Conti la paura che ti separa dall’azione; conti i colpi che hai ricevuto e quelli che non sei riuscita a dare.

Conti le dita delle tue mani segnate; conti le nuvole nel cielo, le ore che passano e che ti dividono da quel momento; gli sguardi che cogli per strada e quante scarpe vedi quando tieni gli occhi abbassati.

Conti i nodi nella gola e tutte le volte che, per farli scivolare giù, alzi gli occhi al cielo.

Riconti le carezze che gli hai dato; con la lingua ti conti i denti – una, due, dieci volte – e conti ogni volta che distogli gli occhi dalla gioia, che sarebbe un altro nodo alla gola da contare.

Conti anche i sorrisi, quando scrivi, mai meno di uno e mai più di due.

Solo una cosa non conti mai: le lacrime.

testo e foto Caterina Bilabini

 

Visita su Facebook

https://www.facebook.com/31maggio-755028954559064/?fref=ts

Rispondi

Related Post

Diario di una studentessa fuori sede

La prima volta che pensai di andare via di casa avevo 14 anni, avevo appena iniziato il liceo e già da allora ero consapevole che rimanere a vivere nel mio

La fiducia dell’anima danzante

Le cose stanno cambiando e anche rapidamente; mi sembra di essere stata catapultata in una realtà del tutto estranea e differente da quella che ho sempre avuto davanti agli occhi.

aspett(ativ)a

Scende come un fiotto, Anna, con i suoi tacchi argento da un’auto nera. Lui non l’accompagna, resta al volante con le parole ancora in moto e i desideri che rinascono