Conti i passi

Conti i passi, conti le strade.

Conti le ore che passano, le gocce che prendi.

Conti gli amori passati – due, tre volte – che nei ricordi non ne sfugga nessuno.

Conti la paura che ti separa dall’azione; conti i colpi che hai ricevuto e quelli che non sei riuscita a dare.

Conti le dita delle tue mani segnate; conti le nuvole nel cielo, le ore che passano e che ti dividono da quel momento; gli sguardi che cogli per strada e quante scarpe vedi quando tieni gli occhi abbassati.

Conti i nodi nella gola e tutte le volte che, per farli scivolare giù, alzi gli occhi al cielo.

Riconti le carezze che gli hai dato; con la lingua ti conti i denti – una, due, dieci volte – e conti ogni volta che distogli gli occhi dalla gioia, che sarebbe un altro nodo alla gola da contare.

Conti anche i sorrisi, quando scrivi, mai meno di uno e mai più di due.

Solo una cosa non conti mai: le lacrime.

testo e foto Caterina Bilabini

 

Visita su Facebook

https://www.facebook.com/31maggio-755028954559064/?fref=ts

Rispondi

Related Post

LA LUNA

L’aveva trovata in giardino: impensabile che un essere così debole avesse sconfitto il gelo della notte. La sera prima il ragazzino aveva sentito un miagolio, ma il tepore del letto

Le donne di luce

Erano tutte in strada. Erano un mare di donne bianche d’abiti nunziali. Un raduno luminoso, fine a se stesso, un passaparola di luce, un contagio d’intenzione. Un lieve ronzio ed

Editoriale

Sono stato colto in flagranza di reato da due guardie bigotte, mentre facevo l’amore su un prato e sotto un albero, in un giorno di primavera. Sono stato condotto in