#per chi?

Per chi ha costruito un rapporto di fiducia con la propria scrittura.
Per chi ha tenuto ogni produzione per sé.
Per chi ha bussato a qualche porta dell’editoria, ed è rimasto ad aspettare, certo di ricevere una qualunque risposta, oppure convinto che bastasse almeno tentare.
Per chi voleva ricevere un parere sincero, per chi si è detto ‘basta il pensiero’, per chi voleva degli spunti per migliorarsi, per chi voleva far nascere una riflessione.
Per chi voleva attenzione per parlare delle sue qualità/difetti/dubbi/curiosità, per chi voleva capire come funzionano certe cose, per chi credeva di sapere tutto e si è sbagliato.

Per chi è partito da un breve racconto, per chi aveva cassetti pieni di storie mai finite, per chi ha bisogno di uno stimolo, per chi cerca un ascoltatore più che un lettore.
Per chi ama il tempo e lo riesce a dedicare alle sue passioni, per chi si affeziona ai racconti.
Per chi conosce la solitudine e vuole intraprendere un percorso d’aggregazione.
Per chi ha fantasia, per chi è realista, per chi ha riguardo.
Per chi sa dire ‘oggi non è giornata’, ‘oggi non ho tempo/voglia/spazio’ e altrettanto ‘a domani/grazie/scusami’.
Per chi vuole verificare la credibilità delle proposte.
Per chi mette in discussione le cose gratuite.
Per chi si pone delle domande.
Per chi è impaziente, per chi vuole toccare con mano, per chi si mette alla prova, per chi si vuole soddisfare di ciò che crea, per chi vuole sperimentare e contribuire.
Per chi ha il coraggio di lavorare giorno su giorno.
Per chi crede che l’idea sia l’opera artistica per antonomasia, qualcosa da curare/metabolizzare/formare/strutturare/svincolare/rivolgere/distribuire.
Per chi vuole investire, in ogni senso del termine.

Chance Edizioni

Rispondi

Related Post

Sonetto dell’amore oscuro

Ho paura di sfiorarti, per caso, farti cadere come un ramo si spezza, un mi cantino si sfila dalla paletta e fischia dalla chiave strisciando. Ho paura che tu venga

Il software libero

A chi si deve la definizione di “software libero”? Richard Stallman è la risposta. Bisogna fare un salto nel lontano 1983 quando la realtà informatica era ben diversa da quella

Natale prima del cristianesimo

Benché solamente nel 336 a.C. venne attribuita la data del 25 dicembre alla nascita di Cristo, la festività del Natale è una celebrazione antichissima e soprattutto non specifica di un