– poesia –

Il mio cuore va a gettoni
puzza di chiuso
e quando si alza il vento
gli infissi mormorano e accusano

Con la voce dei persi
di chi non amo più
di chi mi è morto dentro
tra schegge polverose

E ancora risuonate
in queste quattro mura strette
io non vi dimentico
io vi disprezzo
ma vi compro ogni giorno

 

 

testo e foto di Marcello Piu

Rispondi

Related Post

CROCIFISSIONE? MEGLIO GLI PSICOFARMACI!

Se Cristo fosse vissuto ai nostri giorni, non sarebbe stato crocifisso. Avrebbe avuto una diagnosi di bipolarità e con una manciata di psicofarmaci, qualche visita dallo psichiatra o, alla peggio,

La fiducia dell’anima danzante

Le cose stanno cambiando e anche rapidamente; mi sembra di essere stata catapultata in una realtà del tutto estranea e differente da quella che ho sempre avuto davanti agli occhi.

Conti i passi

Conti i passi, conti le strade. Conti le ore che passano, le gocce che prendi. Conti gli amori passati – due, tre volte – che nei ricordi non ne sfugga