– poesia –

Il mio cuore va a gettoni
puzza di chiuso
e quando si alza il vento
gli infissi mormorano e accusano

Con la voce dei persi
di chi non amo più
di chi mi è morto dentro
tra schegge polverose

E ancora risuonate
in queste quattro mura strette
io non vi dimentico
io vi disprezzo
ma vi compro ogni giorno

 

 

testo e foto di Marcello Piu

Rispondi

Related Post

RUBRICA 22’S KITCHEN: Due cuori e una forchetta.

  Che cos’è l’amor chiedilo al vento che sferza il suo lamento sulla ghiaia del viale del tramonto all’amaca gelata che ha perso il suo gazebo guaire alla stagione andata

Londra

Ti sarebbe piaciuta Londra, tanto quanto è piaciuta a me. Ci saremmo perse in una città che sembra non avere periferia. Avremmo suonato ai campanelli e poi saremmo scappate come

IN NATURA

C’è un piacere nei boschi senza sentieri, c’è un’estasi sulla spiaggia desolata, c’è vita, laddove nessuno s’intromette, accanto al mar profondo, e alla musica del suo sciabordare: non è ch’io