– poesia –

Il mio cuore va a gettoni
puzza di chiuso
e quando si alza il vento
gli infissi mormorano e accusano

Con la voce dei persi
di chi non amo più
di chi mi è morto dentro
tra schegge polverose

E ancora risuonate
in queste quattro mura strette
io non vi dimentico
io vi disprezzo
ma vi compro ogni giorno

 

 

testo e foto di Marcello Piu

Rispondi

Related Post

I SOGNI: IL CARBURANTE PER LA NOSTRA ANIMA

La vita. C’è qualcosa di più meraviglioso della vita? Un bambino che nasce è luce pura e bellezza candida, una lavagna nera pronta ad essere riempita di esperienze ed emozioni.

DI LAGO, DI VENTO.

Un battello fantasma, nel lago; uno scheletro di lamiera che splende, sospeso nel buio. Là, in fondo all’orizzonte. Sembra un’apparizione, con quell’aria che sa di festa jazz, un po’ ai

Conti i passi

Conti i passi, conti le strade. Conti le ore che passano, le gocce che prendi. Conti gli amori passati – due, tre volte – che nei ricordi non ne sfugga