– poesia –

Il mio cuore va a gettoni
puzza di chiuso
e quando si alza il vento
gli infissi mormorano e accusano

Con la voce dei persi
di chi non amo più
di chi mi è morto dentro
tra schegge polverose

E ancora risuonate
in queste quattro mura strette
io non vi dimentico
io vi disprezzo
ma vi compro ogni giorno

 

 

testo e foto di Marcello Piu

Rispondi

Related Post

LA LUNA

L’aveva trovata in giardino: impensabile che un essere così debole avesse sconfitto il gelo della notte. La sera prima il ragazzino aveva sentito un miagolio, ma il tepore del letto

Prima o poi, vedremo.

Clementina non ha gli occhi da cerbiatto, ma sa stilare sguardi come se fosse nata in una foresta. È capace di far esplodere l’ascolto, come sibili di mortaio nel fogliame,

Quando la consuetudine sostituisce un piacere

Non viene anche a voi l’ansia quando si sta per avvicinare un evento come il compleanno di qualcuno, il Natale, un battesimo, la Pasqua o un anniversario? A me capita,