chanceedizioni@gmail.com

#feedback

#feedback

Ci è capitato di imbatterci in realtà che si definivano Alternative, in progetti che volevano essere Innovativi, in persone che affermavano di andare Controcorrente.

Tutto finiva per rivelarsi sproporzionato e con delle parti mancanti.
Alle volte quello che non c’era era la sincerità. In altri casi è stata l’impossibilità di essere Diversi in un mondo così complesso.
Abbiamo visto persone diventare alchimiste, alla ricerca di formule magiche per il successo; persone diventare arroganti mentre volevano far credere a tutti di aver raggiunto un traguardo.
Quando ci siamo accorti che ciò che cercavamo era difficile trovarlo in altri, abbiamo deciso di provare a far da noi.
Ma non è stato questo il difficile. Nonostante ci si imbatta in considerazioni superficiali che non s’interessano di chiedere ma che perdono tempo ad etichettare. Complicato è stato comprendere esattamente cosa avevamo riscontrato di poco affine a noi, cosa cercassimo e come fare per strutturarlo, per renderlo visibile e tangibile.
Allora abbiamo capito che non volevamo il successo. La soddisfazione sì, ma non un trofeo o qualcosa di patinato da esibire. Anche perché il successo, la notorietà, la credibilità, sono cose che secondo noi richiedono tempo e attesa, in certi casi brama, mentre le soddisfazioni le si possono avere – come sta già accadendo – giornalmente.
Chi aspira unicamente al successo, sarà facilmente insoddisfatto fino al suo raggiungimento. Chi vive per le emozioni e per le soddisfazioni quotidiane, può gioire ad ogni confronto, incontro, telefonata, messaggio, mail, conoscenza.
Non abbiamo pensato di voler essere per forza Diversi, Alternativi o Controcorrente.

Abbiamo deciso di essere Semplici, e di rispecchiare i nostri caratteri.
Ciò ha significato, per esempio, che ci siamo concentrati sul lavoro, sulla qualità di ciò che vogliamo proporre, che sia un libro o un servizio.

Tutte cose che, essendo così scontate, ormai, sono state dimenticate.
E soprattutto, cosa più importante di tutto, abbiamo voluto privilegiare non le storie, o i racconti, o i romanzi, ma le persone. I rapporti umani.
Anche agli albori del/i nostro/i progetto/i, anche in maniera anticipata rispetto alla nostra prima pubblicazione, sentiamo di aver raggiunto già un primo Scopo.
La naturalezza, la precisione e la confidenza sul lavoro sono le nostre sfide e la nostra rivoluzione.
La condivisione e la partecipazione, il nostro metodo.
Le persone con cui proseguiamo ed intraprendiamo, che si sentono rispetta e coinvolte, i nostri premi.
Non vogliamo essere migliori di nessuno. Perché quello che facciamo è mosso da passione e non da competizione.

Vogliamo promuovere le nostre idee, e non utilizzare quella di qualcun altro per dire di averla fatta meglio di lui.

I feedback, per noi, sono estremamente motivanti.

Rispondi