UNA NOTTE MAI ESISTITA

Una volta ti ho scritto una lettera.
Avevo 13 anni la prima.
Ormai più di 20 l’ultima.
E ancora oggi mi viene istintivo mentirmi sull’età.
Non volevo la leggessi, ti volevo bene.
Lì dentro.
L’ultima volta.
Ho scritto di come ti ho sognata
una notte mai esistita
dove per la prima volta eri lo scudo contro i mostri sotto al letto
non loro
contro te.
Ho scritto una favola per colmare
il bisogno di avere qualcuno
che le raccontasse a me
che non avessi avuto nessuno
in fondo sarebbe stato semplice
avrei colmato vuoti
invece di sfinire la fantasia.
Ho scritto una bugia
perché tu mi hai insegnato
a distruggere
ma io ho imparato solo a distruggermi
perdendo tutto
non te.

 

di Ivo Tudgiarov

 

photo: Dahila

Rispondi

Related Post

Mèmor – CHE SI RICORDA

Tutt’uno. Lui da una parte e lei sulla soglia. Equidistanti dal concetto che li lega e che, allo stesso tempo, li separa. Allora è alternanza. Quando lui ripara le pupille,

HAI MAI PENSATO?

Hai mai pensato a come sarebbe andare via? Non per un giorno, non per un anno. Via. Semplicemente. Una valigia con dentro un paio di cose: delle scarpe e un

Cani Sciolti

Nei campi di grano privi di spighe coi palmi pieni di spini e di spine ruzzano giovani cani sciolti. La natura è un bouquet di graffiti colorati al tempo, col