UNA NOTTE MAI ESISTITA

Una volta ti ho scritto una lettera.
Avevo 13 anni la prima.
Ormai più di 20 l’ultima.
E ancora oggi mi viene istintivo mentirmi sull’età.
Non volevo la leggessi, ti volevo bene.
Lì dentro.
L’ultima volta.
Ho scritto di come ti ho sognata
una notte mai esistita
dove per la prima volta eri lo scudo contro i mostri sotto al letto
non loro
contro te.
Ho scritto una favola per colmare
il bisogno di avere qualcuno
che le raccontasse a me
che non avessi avuto nessuno
in fondo sarebbe stato semplice
avrei colmato vuoti
invece di sfinire la fantasia.
Ho scritto una bugia
perché tu mi hai insegnato
a distruggere
ma io ho imparato solo a distruggermi
perdendo tutto
non te.

 

di Ivo Tudgiarov

 

photo: Dahila

Rispondi

Related Post

Delta

Guardo scorrere il tempo come scorre l’acqua. Vapore, umido, mi tocca la pelle mi bagna, quanto basta a farmi sentire il soffiare del vento: dolce, lento. Prendo un respiro perdo

C’era una volta la prima volta

  La prima volta che si è chiuso lo stomaco e la fame non esisteva, c’era solo il bisogno di vedersi. La prima notte insonne a guardare le stelle fuori

PRIMA_VERA

Farai gesti anche tu. Risponderai parole, viso di primavera, farai gesti anche tu. I gatti lo sapranno, viso di primavera; e la pioggia leggera, l’alba color giacinto, che dilaniano il