Cani Sciolti

Nei campi di grano privi di spighe
coi palmi pieni di spini e di spine
ruzzano giovani cani sciolti.
La natura è un bouquet di graffiti
colorati al tempo, col tempo muffiti
su cui un’anziana getta lo sguardo
quando si sporge dal proprio balcone
per cibare di brezza l’erica in fiore.
Dai portoni escono i cani senza padroni
che per le vie dedicate alle vite stroncate
alle vite spremute, a quelle vendute
errano cercando altre fortune.
Uno sfila tra le auto-immobili
fumatrici incallite ai semafori
e sul cielo rosa quasi vinile
compone col dito “L’imbrunire”.
Un altro gli doppia il passo
prosegue accanto immerso
con lo sguardo sul palmare.
S’incontrano, si scontrano,
ma estranei si scordano.
Ognuno abbaia libero
ulula in solitudine.
Ma nessuno che sente,
nessuno comprende.

 

poesia di Gabriele Tomasi

 

photo di Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Ciò che ispira i cigni

Come i nastri delle ballerine sono le luci costiere in mezzo al mare, di spirali i loro ondeggi al nero espresso dell’immenso danno gli ultimi segnali della civiltà, e qui

Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà in scontro sempre con il reale.   Si rompe il ghiaccio, divide, in acqua si accorpa: più forte, ma fragile.   La freddezza delle circostanze

Riflettente

Irrimediabilmente parte senza l’arte che ci contraddistingue. Inevitabilmente pianeti su un’orbita meteoriti pronti alla collisione. Che tramonti il sole! È mia la notte e l’attendo con trepidante attesa come quando,