C’era una volta la prima volta

 

La prima volta che si è chiuso lo stomaco e la fame non esisteva, c’era solo il bisogno di vedersi.

La prima notte insonne a guardare le stelle fuori dalla finestra.

La prima volta che hai fatto uno “squillo” e hai avuto il cuore a mille fin quando non hai ricevuto risposta.

Il primo amore estivo.

Il primo bacio nei corridoi della scuola.

La passeggiata del primo appuntamento.

La prima volta mano nella mano.

La prima tachicardia, non da infarto, ma quasi.

Il primo brivido giù per la schiena e il ginocchio tremolante.

La prima volta nello stesso letto, stesi solamente.

La prima volta.

 

Sia mai che a forza di ricamare sui finali si perda, da qualche parte nella memoria, la parte migliore dello spettacolo.

 

di Ivo Tudgiarov

 

Pagina Facebook di riferimento

Educazione Sentimentale

 

 

di Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

Editoriale

La nostra causa è cercare e non trovare. La nostra causa è amare, fugaci, in segreto, e i peccati ci sono rimessi solo perché nessuno è senza peccato, nessuno lo

Discrepanze assuefatte

Il mio immaginare mi assuefà in scontro sempre con il reale.   Si rompe il ghiaccio, divide, in acqua si accorpa: più forte, ma fragile.   La freddezza delle circostanze

storiella

Un sospiro alla volta, contiene meno di quattordici parole. Me l’ha detto l’aria – che non era un segreto – ma non ho nemmeno provato ad espirare. Fiducia. Se contassi