Editoriale

La nostra causa è cercare e non trovare.

La nostra causa è amare, fugaci, in segreto,

e i peccati ci sono rimessi solo perché

nessuno è senza peccato, nessuno lo è.

Il nostro tempo è nebbia d’autunno sul fiume.

È il nostro nome eliso dalla nostra mano,

perché di notte non ci restano che

il dubbio, la coscienza e la neve.

Viktor Krivulin

 

Ci siamo affidati alla poesia, al dubbio, alla coscienza.

Alla neve.

Al nostro essere imperfetti, fallibili.

All’Amore.

Abbiamo già vinto perché partiamo sconfitti.

Perché non sarà mai il nostro tempo,

ma fuori da esso non passeremo mai.

Siamo un fiume sotterraneo, la luna dietro una nuvola.

Siamo la preghiera di un ateo e la bestemmia del credente.

Siamo il sogno del disilluso e la realtà di chi fantastica ancora.

Portiamo addosso l’odore del sottobosco

e abbiamo la memoria del reduce di guerra.

Non crediamo più in noi stessi,

ma moriamo per le nostre idee.

Non cerchiamo approvazione,

ma solo di riconoscerci ancora

negli occhi di qualcuno

che sappia cosa sia la meraviglia.

 

La Redazione

Rispondi

Related Post

IL BUIO OLTRE IL CUSCINO II PARTE – Onirocronache

Si dice che il sonno sia una piccola morte, un infinitesimale intervallo di tempo tra le lotte quotidiane che compongono l’esistenza. Questo “piccolo intervallo” in realtà costituisce un terzo di

LA MECCANICA DEL CUORE

rubrica (D.)’ispirazione   Ispirare per ispirarci: quando le storie altrui ci spingono a scrivere e a scriverci.   Anche tu sei l’amore. Sei di sangue e di terra come gli

L’invidia s’insidia – II PARTE

  L’INVIDIA S’INSIDIA è stato il titolo del mio articolo pubblicato sul numero scorso della rivista 22 PENSIERI. Era da tempo che sentivo la premura di trattare questo tema, per