LIRICA URBANA

C’era odore d’incenso
lungo la tua schiena
e così al semaforo
ho lavato via
con l’allegria dell’ultimo
giorno d’estate
la sconfinata tristezza
di crescere sola,
dopo aver fatto al parco
la tua bambina
dai guanti blu.

Intanto sui campi
delle canzoni d’autore
si è sdraiata la prima
vittoria sui tuoi incubi
e un palloncino sopra di noi
ha sottolineato il cielo
con un filo indelebile,
ricordandoci a un tratto
in mezzo ai fiori asfaltati
l’alfabeto del linguaggio
del corpo.

di Eva Luna Mascolino


Link: https://www.facebook.com/evalunamascolino/ (Eva Luna racconta)

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

Editoriale

La nostra causa è cercare e non trovare. La nostra causa è amare, fugaci, in segreto, e i peccati ci sono rimessi solo perché nessuno è senza peccato, nessuno lo

E NON MI INDURRE IN TENTAZIONE

Tu pensi di conoscermi ma non immagini la densità della dolcezza che ti lascerei in bocca Zucchero e aroma di arancia se tu mi assaggiassi   Mi lascio tentare? Potrei

in_aspettati

Venerdì mattina. Johel era alquanto seccato. Per prima cosa era ancora venerdì. La settimana era già stata lunga e faticosa; avere altre 8 ore di lavoro davanti non lo entusiasmava