LIRICA URBANA

C’era odore d’incenso
lungo la tua schiena
e così al semaforo
ho lavato via
con l’allegria dell’ultimo
giorno d’estate
la sconfinata tristezza
di crescere sola,
dopo aver fatto al parco
la tua bambina
dai guanti blu.

Intanto sui campi
delle canzoni d’autore
si è sdraiata la prima
vittoria sui tuoi incubi
e un palloncino sopra di noi
ha sottolineato il cielo
con un filo indelebile,
ricordandoci a un tratto
in mezzo ai fiori asfaltati
l’alfabeto del linguaggio
del corpo.

di Eva Luna Mascolino


Link: https://www.facebook.com/evalunamascolino/ (Eva Luna racconta)

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

FUORIPORTA

Ma dove sono andate quelle piogge d’aprile che in mezz’ora lavavano un’anima o una strada e lucidavano in fretta un pensiero o un cortile bucando la terra dura e nuova

Dietro la tua siepe

«Chiaro» dicevo e già non ti guardavo. Aspettavo fossi tu a rientrare da bordo campo. Speravo rifugiassi lo sguardo nello spazio bianco tra i miei seni distanti, tra i miei

Mein Her(t)z

Vorresti aver tutto sotto controllo ogni cosa al suo posto, pedine e un gioco di ruolo, ogni cosa in ordine, ma sempre in movimento per non lasciar la polvere, un