LIRICA URBANA

C’era odore d’incenso
lungo la tua schiena
e così al semaforo
ho lavato via
con l’allegria dell’ultimo
giorno d’estate
la sconfinata tristezza
di crescere sola,
dopo aver fatto al parco
la tua bambina
dai guanti blu.

Intanto sui campi
delle canzoni d’autore
si è sdraiata la prima
vittoria sui tuoi incubi
e un palloncino sopra di noi
ha sottolineato il cielo
con un filo indelebile,
ricordandoci a un tratto
in mezzo ai fiori asfaltati
l’alfabeto del linguaggio
del corpo.

di Eva Luna Mascolino


Link: https://www.facebook.com/evalunamascolino/ (Eva Luna racconta)

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

Sui sentieri di Kairos

Hai orecchie di cera per non sentire il brusìo dei lepidotteri che mi solleticano in pancia quando pronunci il mio nome   E hai occhi di sale se non scorgi

Rendez-vous

Ti ricordi anche tu di quando si usciva di casa, si andava al campetto insieme alle quattro, con la merenda in tasca, i capelli sciolti, i calzoni corti. Ti ricordi

VITA DA PROFESSORESSA FUORISEDE

Ricordo come fosse ieri quel lontano giorno di giugno e la mia reazione leggendo la mail del Ministero dell’Istruzione: “Ti abbiamo selezionata come assistente di italiano in Corsica”. La Corsica?