LIRICA URBANA

C’era odore d’incenso
lungo la tua schiena
e così al semaforo
ho lavato via
con l’allegria dell’ultimo
giorno d’estate
la sconfinata tristezza
di crescere sola,
dopo aver fatto al parco
la tua bambina
dai guanti blu.

Intanto sui campi
delle canzoni d’autore
si è sdraiata la prima
vittoria sui tuoi incubi
e un palloncino sopra di noi
ha sottolineato il cielo
con un filo indelebile,
ricordandoci a un tratto
in mezzo ai fiori asfaltati
l’alfabeto del linguaggio
del corpo.

di Eva Luna Mascolino


Link: https://www.facebook.com/evalunamascolino/ (Eva Luna racconta)

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

Pasteggiare

Non piango. Non rido. Sono ferma accanto al tempo, sospesa in un silenzio che avanza come deserto. Giro la testa dall’altra parte per non vedere la piaga, per evitare che

Aurora pallida

Travalicare onde timide Salpare sull’ultima sponda Dirigere la nave Poi mischiare la propria schiuma Sulle rive ondose e frastagliate Fingere una calma piatta Trovare la pace dove c’è la guerra

Cani Sciolti

Nei campi di grano privi di spighe coi palmi pieni di spini e di spine ruzzano giovani cani sciolti. La natura è un bouquet di graffiti colorati al tempo, col