FUORIPORTA

Ma dove sono andate quelle piogge d’aprile che in mezz’ora lavavano un’anima o una strada e lucidavano in fretta un pensiero o un cortile bucando la terra dura e nuova come una spada?

Ma dove quelle piogge in primavera quando dormivi supina, e se ti svegliavo ridevi,

poi piano facevi ridere anche me con i tuoi giochi lievi?

Ma dove quelle estati senza fine, senza sapere la parola nostalgia,

solo colore verde di ramarri e bambine e, in bocca, lo schioccare secco di Epifania?

Ma dove quelle stagioni smisurate quando ogni giorno figurava gli anni a venire

e dove a ogni autunno, quando finiva l’estate, trovavi la voglia precisa di ripartire?

 

Le piogge d’Aprile – Francesco Guccini

S’era socchiusa, prima d’aprirsi completamente, l’aria, in aprile. Non ho creduto nemmeno per due minuti di seguito che sarei riuscita a percorrerne i gesti, fino a considerarli azioni complete. Se non definitive, almeno da far accadere. Così è accaduto, prima in penombra e poi in piena luce, come un suono alla radio che ti ricorda l’infanzia e, allo stesso tempo, dice: cantami ancora. Ma tu non sai gli accordi né il testo (di che narra? se vorrebbe) un po’ stretto in se stesso per l’abitudine che conserva d’inverno, a farsi conca mentre si sotterra alla ricerca di un riparo sicuro. Chissà cosa c’è da temere all’esterno. Mi si è affidata la voce, prima, e poi mi sono seguita tutta intera. Ché io dicevo ‘terra’ e poi la toccavo con mano. Per ritrovarla intatta, sana, raffreddata, perché ancora non c’era tepore intorno e avevo paura di essere in ritardo. Eppure un’intuizione viscerale, sì, mi bolliva nelle vene. Proprio quello deve essere stato. Come fai a sapere che è il primo dei tuoi movimenti, all’infuori e poi all’indentro. Circonduzioni. I fiori ti mimano tutto il prato, sai? Senza escluderne un centimetro. E quello deve essere stato il segnale, una perfezione che umanità non contempla mai abbastanza. Mitezza di temperatura. Dal più alto dei tornanti tra i dirupi, al più piccolo granello di spiaggia. Ho tenuto un mese completo fra i palmi. Come polline, ho soffiato. E sono volata con lui. Senza mistero. Via, con gli amici di sempre, con l’amore da sentire e la vita da vedere coinvolta sulla tela del cielo. Lassù – ho detto. Benedetta dalla pioggia d’aprile. E sono entrata.

BRISÉE DI SEMOLA CON OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA

 

Ingredienti:

200 gr semola per pizze e focacce

70 gr acqua

50 gr olio extravergine d’oliva

1/2 cucchiaino di sale fino

 

Impastare la semola con l’olio, l’acqua e il sale (a mano o nella ciotola della planetaria) fino ad ottenere un composto sodo ed elastico: la vostra pasta brisée è già pronta per essere stesa e farcita a piacimento. Questa dose sarà sufficiente per due crostate di 12 cm di diametro o per una di 20/22 cm di diametro.

 

QUICHE CON ASPARAGI E RICOTTA

 

Ingredienti:

Per la base della quiche utilizzate una dose di pasta brisée di semola all’olio al cui impasto aggiungerete 5/6 foglie di basilico.

Per il ripieno:

12 asparagi freschi

100 gr ricotta (io ho scelto quella senza lattosio

1 uovo

2 cucchiai di pecorino romano grattugiato

1 cucchiaio olio extravergine d’oliva

sale q.b.

 

Eliminate la parte finale legnosa dagli asparagi, con il pelapatate spellate i gambi. Tagliate le punte degli asparagi e saltatele per pochi minuti in padella con l’olio extravergine d’oliva, lessate i gambi in acqua bollente appena salata. Frullate i gambi degli asparagi lessati con la ricotta, l’uovo e il pecorino romano grattugiato (potete sostituirlo con del parmigiano, se preferite). Stendete la pasta brisée negli appositi stampi da crostata, versate il composto di asparagi e ricotta all’interno del guscio di pasta, disponete le punte degli asparagi sulla superficie guarnite i bordi con delle foglioline o dei fiorellini ritagliati dall’impasto con dei tagliabiscotti e cuocete in forno statico a 200° per 25 minuti circa, finché la superficie della quiche sarà dorata.

 

CROSTATA SALATA CON SPINACI E PHILADELPHIA

 

Ingredienti:

Per la base della crostata salata utilizzate una dose di pasta brisée all’olio extravergine d’oliva.

Per il ripieno:

100 gr spinaci lessati

100 gr formaggio fresco e cremoso

2 cucchiai parmigiano grattugiato

 

Stendete la brisée di semola all’olio e foderate due stampi per crostate del diametro di 12 cm circa o uno stampo del diametro di 20/22 cm.

Strizzate per bene gli spinaci che avrete precedentemente lessato in poca acqua salata, tritateli grossolanamente con il coltello e amalgamateli bene al formaggio cremoso e al parmigiano con l’aiuto di una forchetta. Distribuite il composto sulla superficie della vostra crostata, guarnite con i ritagli di pasta e cuocete in forno a 200° per 25 minuti circa.

 

Abbinamenti consigliati:

FRITTATINE DI SPAGHETTI INTEGRALI AL FORNO CON SCAMORZA & MUFFIN CON PESTO DI RUCOLA E ZUCCHINE

 

Visita il blog per tutti gli approfondimenti

http://www.queenskitchen.it/torte-salate-per-picnic

 

di Annalisa De Benedictis e Rossana Orsi

Rispondi

Related Post

…you’re still alive…

What’s the story behind the mask? The broken bones, your demilitarized zones and locked tomes inside empty homes the covered mirror, the shards of glass? What’s the story behind your

GLI AGNELLI

Cinque , sei , sette: c’erano tutti. Il servo pastore  li contò di nuovo. Erano agnelli, nati di recente.  Il ragazzo si incamminò con loro verso il paese, accompagnato da

La crisi

ATTI UNICI CON INTERVALLO – PARTE IX La crisi.     Forse alcuni lettori avranno fatto – o faranno – fatica ad orientarsi in questa storia abitata da serate e