IL SOGNO

 

Sciabolate di luce nel buio gli feriscono gli occhi.

Non capisce cosa stia succedendo: era al caldo in macchina, poi d’improvviso l’auto si ferma, la portiera si apre, lui fuori – uno sgommare rapido, il buio intorno, il freddo.

Tutto quello che conosceva è lontano: non ci sono gli odori familiari, i toni attutiti, il tepore, quel poco di cose che sa della vita, perché ha solo alcuni mesi ed è un cane.

Cammina cammina: pensa che torneranno, che hanno voluto scherzare, che se andrà avanti, troverà l’auto aperta pronta a accoglierlo di nuovo. Il cuore dei cani è pieno di fiducia e il suo, addirittura, straripa di quel sentimento.

Le zampe gli dolgono: è ancora un cucciolo e, se ascolta il suo corpo, ora avverte la fame.

Le auto lo sfiorano: lui adesso ha paura e corre. Non vorrebbe, ma purtroppo comincia a capire.

Un rumore più forte lo scuote; si ferma, guarda: è l’auto. È quella?

Corre ancora: ora lo devono vedere, deve mostrarsi. Ma prima una, e poi tante luci lo accecano. L’urto è terribile, lo schianto immane, il dolore straziante.

Ma cosa succede? Apre gli occhi, riconosce la cuccia: una bambina lo stringe, lo bacia, lo scruta. Quindi gli parla con voce sommessa:” Ti agitavi tanto, temevo che stessi male. Ma adesso ho capito: sogni anche tu.”

Lui chiude gli occhi e si addormenta ancora, dimentico già del sogno e felice tra le braccia di lei.

 

di Gloria Lai

 

photo: Andrea Stella

Rispondi

Related Post

GLI AGNELLI

Cinque , sei , sette: c’erano tutti. Il servo pastore  li contò di nuovo. Erano agnelli, nati di recente.  Il ragazzo si incamminò con loro verso il paese, accompagnato da

LA LUNA

L’aveva trovata in giardino: impensabile che un essere così debole avesse sconfitto il gelo della notte. La sera prima il ragazzino aveva sentito un miagolio, ma il tepore del letto

XY00254

È giorno fatto, quando D. decide finalmente di alzarsi. Beve un sorso di caffè freddo ed esce di casa. Non chiude la porta. Non la accosta nemmeno. Il cielo è