IL SOGNO

 

Sciabolate di luce nel buio gli feriscono gli occhi.

Non capisce cosa stia succedendo: era al caldo in macchina, poi d’improvviso l’auto si ferma, la portiera si apre, lui fuori – uno sgommare rapido, il buio intorno, il freddo.

Tutto quello che conosceva è lontano: non ci sono gli odori familiari, i toni attutiti, il tepore, quel poco di cose che sa della vita, perché ha solo alcuni mesi ed è un cane.

Cammina cammina: pensa che torneranno, che hanno voluto scherzare, che se andrà avanti, troverà l’auto aperta pronta a accoglierlo di nuovo. Il cuore dei cani è pieno di fiducia e il suo, addirittura, straripa di quel sentimento.

Le zampe gli dolgono: è ancora un cucciolo e, se ascolta il suo corpo, ora avverte la fame.

Le auto lo sfiorano: lui adesso ha paura e corre. Non vorrebbe, ma purtroppo comincia a capire.

Un rumore più forte lo scuote; si ferma, guarda: è l’auto. È quella?

Corre ancora: ora lo devono vedere, deve mostrarsi. Ma prima una, e poi tante luci lo accecano. L’urto è terribile, lo schianto immane, il dolore straziante.

Ma cosa succede? Apre gli occhi, riconosce la cuccia: una bambina lo stringe, lo bacia, lo scruta. Quindi gli parla con voce sommessa:” Ti agitavi tanto, temevo che stessi male. Ma adesso ho capito: sogni anche tu.”

Lui chiude gli occhi e si addormenta ancora, dimentico già del sogno e felice tra le braccia di lei.

 

di Gloria Lai

 

photo: Andrea Stella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: