chanceedizioni@gmail.com

Le cose che diamo per scontate

Le cose che diamo per scontate

Racconto a capitoli – Teatro

ATTI UNICI CON INTERVALLO – PARTE X

Le cose che diamo per scontate.

 

Anni fa la nostra insegnante di teatro ci propose un esercizio di memoria e osservazione: dovevamo raccontare il momento in cui uscivamo di casa. Anzi, non raccontarlo semplicemente, bensì descriverlo nei minimi particolari. Così uno ad uno iniziammo la narrazione, ma dopo pochi minuti lei iniziò a farci delle domande: “Di che colore è la porta che hai aperto? E la maniglia? Che forma ha, dove è posizionata? Qual è il colore del disegno sullo zerbino?”

Presi alla sprovvista quasi tutti incespicammo. Abitualmente ci troviamo davanti alla porta di casa minimo due volte al giorno, e a grandi linee, tutti probabilmente sapremmo descrivere come è fatta. Ma i particolari sfuggono alla memoria; i dettagli faticano ad emergere quando vengono ricoperti dal mare dell’abitudine. A riprova di questo fatto, un giorno un professore universitario ci chiese di disegnare il logo dell’università (presente sul sito, sul badge, sulle porte d’ingresso) così come ce lo ricordavamo senza vederlo. Né io né i miei amici riuscimmo nell’intento.

È difficile – ci aveva spiegato – fare caso a una cosa che si ha sempre sotto agli occhi. In un suo famoso racconto Edgar Allan Poe fa questo paragone: ipotizzando un indovinello in cui un giocatore deve indovinare un nome scelto da un altro su una carta geografica, uno poco esperto sceglierà un nome scritto in piccolo, mentre un giocatore abituale sceglierà un nome scritto a caratteri cubitali; uno di quei nomi talmente grandi che sfuggono all’osservatore per la loro stessa evidenza.

Nel teatro, ci aveva spiegato la nostra insegnante, bisogna far attenzione ai dettagli anche delle cose abituali. Nulla deve essere mai dato per scontato, altrimenti si raccontano cliché, personaggi senza anima né spessore. Da quel giorno incominciai a porre più attenzione non solo alla porta di casa, ma anche alle persone.

E mi accorsi che le lezioni di teatro, spesso sono anche lezioni di vita.

 

di Erika Cataldo

 

 

photo: Asia Sabatelli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *