Immagine d’amore, di te

Oscilla la pianta al mattino,
i capelli sono nodi ad un pettine  
troppo corti per rimanere fermi.
Alla brina la rugiada copriva i petali gialli,
raggi sulle onde,
corpo sordo steso sul grano,
mistica calma che induce i pensieri in grotte che hanno i tuoi occhi,
ci entro,
al lato opposto  brillano colori d’arcobaleno
mi chiedo se la loro solidità sulle mie mani sia reale.
Se battito d’ali mi porterà in paradiso,  
sembra esserci nelle giornate con te.
La sete di te blocca il respiro
macigno da buttar giù quando tu sei distante
e le lacrime che scendono su un viso che ha pianto poco nella vita,
rare le gemme d’acqua distillate di felicità.
Raro mare che sabbia non riesci a calpestare,  
stende la mano ed il corpo,
presi dalle onde
nel vortice del Raro amare,
cosicché
la linea tra anima e corpo va oltre,
dove non so,  ma va oltre al contatto dei corpi.
Se chiedi al tempo dell’amore,  
lui si fa beffa degli eventi
e l’attimo del fiore che oscilla al mattino
dal presente diviene passato e rimane ricordo in mente.
Ricordo che fai diventare prezioso al di là della sua grandezza.
tocco, sguardo e suono si trasformano da effimeri in qualcosa di immortale,
solo l’altro può capire la loro intensità.
Cos’è l’amore?, non so dirlo,
ma ho il cuore gonfio di te.
Amore che rispecchio nell’immagine di un campo di grano
tutto mosso da quel vento
che spettinava i capelli.

 

 

di Maria D’Urzo

 

photo: Silvia D’Anna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: