Editoriale Novembre – numero 15

Oggi sento nel cuore

un vago tremore di stelle,

ma il mio sentiero si perde

nell’anima della nebbia.

La neve dell’anima ha

fiocchi di baci e di scene

che sono affondate nell’ombra

o nella luce di chi le pensa.

tratto da Canzone d’autunno di Federico García Lorca

Seppure il bianco delle mie mani non ti possieda minimamente, le dita vittoriose reggono in pugno una lettera.

Che ti indirizzo.

Tra palmo e polso non resta che contesa.

Come mi hai insegnato, tempo addietro, il momento del crepuscolo non può mimare la sera.

Allora comprimo le nostre iniziali in questo tempo di bruma che sfida i ghiacciai. Non è freddo, non qui. Io, d’altronde, non conosco i Poli né i Meridiani, non ho terre da dirti che possano alleviarti lo spirito. Ma qua, dove mi trovo, il tuo ritratto è speculare alle mappe ed ha anni incantati che si fanno passare, e misurare, e imprimere in libri che non leggerai nemmeno.

Fa nulla.

Questa è solo una lettera.

Non ha scritto e non ha dato.

Potrai mai perdonarmi?

Se e quando ci scalderemo, chissà se mi racconterai ancora di noi.

E poi, semmai i nomi fossero di ciascuno, avremmo già perso ogni nostro concetto.

la Redazione

illustrazione di Irene Caboni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: