Scogliera

Un anno in più
in un silenzio
che parla
e ripercorre
i tratti del tuo viso
a memoria di sentiero
che nel tempo
ha perso l’impronta
dei  nostri passi
e scrollato la polvere
proseguendo senza di noi
il suo cammino.
Strano
sentire tra le dita
la dolcezza del ricordo
come se l’abbandono
fosse un inseguire
la vertigine.
Pensarti è
ancora adesso
scalare le mie vette
tra le pagine chiare
di nuvole e tempo
e le notti in tempesta.
Sotto il cielo d’autunno
i miei desideri.
Nel risvolto dello sguardo
tra un ricordo
e un sorriso
ho nascosto l’attimo
in cui la notte
stirandosi appagata
s’allontana
senza salutare.
Oggi
sono scogliera
in note di gabbiano
a rincorrersi
sulla spuma
del mare.

di Francesca Falco

 

photo Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

QUANDO UN ELEFANTE METTE SU CASA

Ho letto questo albo illustrato in un momento della mia vita durante il quale volevo mettere su casa, ma ero piena di dubbi. Perché? Perché mettere su casa comporta una

(S)piega_mi

Dovevi essere, come durante le nostre cene, mentre una volta ti dissi: non la conosco la curcuma. Lo spazio di cibo che si è mangiato il nostro tempo oggi te

La bolla sospesa

Ci sono delle cose in cui credi a dispetto di tutto ciò che ti circonda, anche dell’istinto, quel brivido alle mani che ti avverte, di norma, che è arrivato il