Scogliera

Un anno in più
in un silenzio
che parla
e ripercorre
i tratti del tuo viso
a memoria di sentiero
che nel tempo
ha perso l’impronta
dei  nostri passi
e scrollato la polvere
proseguendo senza di noi
il suo cammino.
Strano
sentire tra le dita
la dolcezza del ricordo
come se l’abbandono
fosse un inseguire
la vertigine.
Pensarti è
ancora adesso
scalare le mie vette
tra le pagine chiare
di nuvole e tempo
e le notti in tempesta.
Sotto il cielo d’autunno
i miei desideri.
Nel risvolto dello sguardo
tra un ricordo
e un sorriso
ho nascosto l’attimo
in cui la notte
stirandosi appagata
s’allontana
senza salutare.
Oggi
sono scogliera
in note di gabbiano
a rincorrersi
sulla spuma
del mare.

di Francesca Falco

 

photo Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Le fate di terra

Racconto a capitoli   Le fate di terra quinta parte   La luna era enorme, circolare e ben fissata alla volta. Ancora troppo alta e ben lungi dal tramontare quando

La bontà

Un belato. L’uomo volse lo sguardo intorno a sé nella luce scarsa del crepuscolo e vide un biancore. Si chinò e prese l’agnellino tra le braccia. Quello gli si poggiò

Oltre la finestra

Il paesaggio attraverso la finestra, racconta di emozioni. Quella notte pianse il mondo. Era il prolungamento di molte lacrime un’acqua che non tutti rischierebbero d’assaggiare. Intravedo la curvatura di una