Tratta Trento-Mirandola.

Tratta Trento-Mirandola
le settimane vorticano in una girandola,
tra stazioni del treno, mezz’ora a Verona
apro gli occhi di fretta guardando l’ora,
sperando e pregando di non esser arrivato a Bologna,
intanto qualcosa è scomparso,

i monti con cui mi addormentavo
sono fuggiti dall’orizzonte,

dal finestrino a cui sono appoggiato,
penso alle cose che ho dimenticato
sul letto o sugli scaffali,

libri da studiare
o appunti da ripassare per il prossimo esame,
cado ogni volta che vedo il referto dell’ultimo orale.
una croce che a volte è difficile sollevare.
Il treno si ferma a Ostiglia
mi alzo di fretta, faccio su zaino e valigia
pensando di essere giunto al capolinea,
ma mi fermo in piedi come in un autobus di linea,
aspettando di scendere alla stazione
e esser sommerso di premure e parole,
abbracci e mani distese,
strette una volta al mese,
parole di mia madre che chiede cose banali,
pulire casa e ricordare le chiavi,
come se non fossi uscito dalle elementari,
quando mise nelle mie mani chitarra e plettro,
quando mise quel sogno nel cassetto
come se non fossero passati 10 anni
e quell’amplificatore non fosse ancora spento.

Trento-Mirandola

Carpi-Trento

Trento-Carpi,
genitori, parenti e amici pronti a salutarmi
e a chiedere come sono messo con gli esami,
o a chiedere i progetti per il domani,
ma io non ho mai saputo disegnare,
né una casa né la strada da fare,
corro dietro alle lancette e quei monti
sperando di raggiungere l’orizzonte,
ma l’orizzonte non ci entra in un monolocale.

 

Visita il blog RECTO E VERSO
di Francesco Sueri

 

 

photo di Silvia D’Anna

Rispondi

Related Post

Oltre la finestra

Il paesaggio attraverso la finestra, racconta di emozioni. Quella notte pianse il mondo. Era il prolungamento di molte lacrime un’acqua che non tutti rischierebbero d’assaggiare. Intravedo la curvatura di una

La bolla sospesa

Ci sono delle cose in cui credi a dispetto di tutto ciò che ti circonda, anche dell’istinto, quel brivido alle mani che ti avverte, di norma, che è arrivato il

L’invidia positiva

Sono una persona invidiosa, possessiva e con molta ambizione. L’invidia mi serve: per capire cosa voglio da me e dalla mia vita. Magari, delle volte, posso sembrare un bambino piccolo