Insieme

Prendimi per mano
e ricama la tua notte
sul mio seno.
Spargi note
in luce e sorrisi
sui miei dubbi.
Cantami l’universo
sottovoce
in brividi
che scoprono
carezze di pensieri
nel chiarore della luna
che distende
le ore sui miei fianchi.
Ora tu
sei.
E cedo il passo
alle stelle
e al canto di cicale
l’estate degli anni.
Sono l’autunno
in rossi e screziature di miele
dall’acacia al castagno
dei miei occhi
a sciogliersi nei tuoi.
Resta
ascolta le gocce  di pioggia
che rido_no
rincorrendo _ si
mentre i tuoi passi
tracciano il sentiero
delle nostre primavere.
Guardami
mentre accendi
l’ultimo sorriso
a illuminare
angoli di in_canto
ho tra le braccia
desideri e  doni
e sulle labbra
baci
che ci {per_dono}.
Scegli di me
anche
l’inverno
-sotto la neve pane-
e amami
sul tramonto
del giorno che cala
io già ti amo.
Sulla brina
di un altro mattino
t’ in_vento
la vita

di Francesca Falco

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

In missione – prima parte –

Mio marito si chiamava Santo Gervasi e faceva il militare. Ci conoscevamo da picciridduzzi. Sua madre aveva la putìa dietro casa dei miei nonni. Quando andavo da loro, lui veniva

Patrem – prima parte –

Patrem – prima parte –   (latino) strettamente connesso a pane: fulcro di questi termini è la radice sanscrita pa- legata al concetto di protezione e di nutrizione   Ho

diecidicembreduemiladiciassette

Ho messo in fila una ad una -tutte e molte- le volte in cui avrei potuto ma non ho fatto così ho ignorato E ora non potrò più anch’io complice