Le due e un quarto

La polvere s’alza dalle scarpe,
le lancette d’un orologio divaricate
ferme su un fondo bianco
le due e un quarto.

Sassi, scroscianti passi, stanchi
occhi persi, sommersi in acqua insipida
voglio correre lontano
non voglio deglutirla
e raccogliere il secchio
ricordare te in questo giorno afoso e caldo
tra sassi schiacciati, ricordi scomparsi,
tra lancette d’un orologio bianco
che segnano ancora le due e un quarto.

Luce riflessa da sassi candidi,
occhi accecati dal sole
e dai suoi aliti
sospiri ustionanti,
in questo giorno te ne andasti,
un sorriso sulla tua guancia
un pugno secco nella mia pancia.

Un orologio bloccato, ubriaco
che tutt’ora indica ai miei occhi fradici,
le due un quarto
il tuo sorriso innocente
vorrebbe fermare il mio pianto.

 

Visita il blog RECTO E VERSO

 

di Francesco Sueri

 

photo: Donna Pasini

Rispondi

Related Post

Editoriale numero 17

“Leggendo non cerchiamo idee nuove, ma pensieri già da noi pensati, che acquistano sulla pagina un suggello di conferma. Ci colpiscono degli altri le parole che risuonano in una zona

Come al solito, sarà diverso. piccoli dialoghi intorno all’esistenza

«Non trovi che ci sia qualcosa di malinconico nel mese di Gennaio? Nello svegliarsi in questo interminabile inverno, nelle feste che finiscono troppo in fretta, nella vita che faticosamente riprende,

Patrem – prima parte –

Patrem – prima parte –   (latino) strettamente connesso a pane: fulcro di questi termini è la radice sanscrita pa- legata al concetto di protezione e di nutrizione   Ho