Le due e un quarto

La polvere s’alza dalle scarpe,
le lancette d’un orologio divaricate
ferme su un fondo bianco
le due e un quarto.

Sassi, scroscianti passi, stanchi
occhi persi, sommersi in acqua insipida
voglio correre lontano
non voglio deglutirla
e raccogliere il secchio
ricordare te in questo giorno afoso e caldo
tra sassi schiacciati, ricordi scomparsi,
tra lancette d’un orologio bianco
che segnano ancora le due e un quarto.

Luce riflessa da sassi candidi,
occhi accecati dal sole
e dai suoi aliti
sospiri ustionanti,
in questo giorno te ne andasti,
un sorriso sulla tua guancia
un pugno secco nella mia pancia.

Un orologio bloccato, ubriaco
che tutt’ora indica ai miei occhi fradici,
le due un quarto
il tuo sorriso innocente
vorrebbe fermare il mio pianto.

 

Visita il blog RECTO E VERSO

 

di Francesco Sueri

 

photo: Donna Pasini

Rispondi

Related Post

Janvier

C’è un divaricare di arpeggi, nel petto e il verso del vento tra le foglie muove le ore tutte uguali sulla coda del giorno. Nello scarto di luna che illumina

La Filosofia della Vertigo

RUBRICA: ArtProduction   La Filosofia della Vertigo – episodio sei –   Per fare un buon lavoro devi amare quello che fai e se non lo ami hai due scelte

Il bruco

La terra gli sfiorava il corpo e lui percorreva le asprezze di quel prato, innalzandosi ogni tanto a scrutare all’intorno, sostenuto dai morbidi anelli della coda. Un bruco colorato e