Janvier

C’è un divaricare di arpeggi, nel petto
e il verso del vento tra le foglie muove le ore tutte uguali
sulla coda del giorno.
Nello scarto di luna che illumina le assenze
parole cigolanti, quasi a sentirle, sempre le stesse

stonate

condite di miseria speziata.
Sulla lingua
il confine con la pioggia che bagna guanciali di troppo sonno
e notte.
Volevo esserti minuto bagliore
ingannare il buio
ché si fa piccolo perfino il ricordo.
Tu non parli più
e si ripete ancora
l’inverno
che tenta radici di troppa attesa
la tonica del cuore.
Voglio
che torni
con la candelora
con la neve.
Una certezza di pane,
qualcosa come  
un d’intorno
basterebbe.
tra le foglie
un tempo indossato dagli occhi che guardano il mare.

 

di AnnaMaria Scopa

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

Pittura Meditativa

Il colore, il respiro, lo spazio bianco dentro di sé e sul foglio. L’arte inizia così. Può un gesto artistico essere liberatorio e portatore di gioia e di crescita nella

Untitled

Abbatto i miei archi di trionfo e attraverso i giardini incolti e mal tenuti della mia anima come da bambino, cerco un rettangolo di mondo per illudermi che sia un

INQUIETUDINE  DI MILLE FARFALLE NOTTURNE.

Racconto a capitoli La luna dell’alba INQUIETUDINE  DI MILLE FARFALLE NOTTURNE. LUNEDÌ 11 LUGLIO 2016   Parte I: Luna nuova   Non so esattamente perché io mi trovassi in quel