Janvier

C’è un divaricare di arpeggi, nel petto
e il verso del vento tra le foglie muove le ore tutte uguali
sulla coda del giorno.
Nello scarto di luna che illumina le assenze
parole cigolanti, quasi a sentirle, sempre le stesse

stonate

condite di miseria speziata.
Sulla lingua
il confine con la pioggia che bagna guanciali di troppo sonno
e notte.
Volevo esserti minuto bagliore
ingannare il buio
ché si fa piccolo perfino il ricordo.
Tu non parli più
e si ripete ancora
l’inverno
che tenta radici di troppa attesa
la tonica del cuore.
Voglio
che torni
con la candelora
con la neve.
Una certezza di pane,
qualcosa come  
un d’intorno
basterebbe.
tra le foglie
un tempo indossato dagli occhi che guardano il mare.

 

di AnnaMaria Scopa

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

Editoriale numero 17

“Leggendo non cerchiamo idee nuove, ma pensieri già da noi pensati, che acquistano sulla pagina un suggello di conferma. Ci colpiscono degli altri le parole che risuonano in una zona

A proposito del Metodo Mimico

In questo articolo presento le testimonianze di una ragazza e di un ragazzo che si sono avvicinati al Metodo Mimico durante il loro percorso scolastico.   Sono entrata in contatto

Introduzione all’Hi-Fi

  Rubrica Alta Fedeltà   Introduzione all’Hi-Fi   Nota importante al lettore: Quanto leggerete non è verità assoluta ma solo un punto di vista personale, maturato dopo tanto tempo dedicato,