Janvier

C’è un divaricare di arpeggi, nel petto
e il verso del vento tra le foglie muove le ore tutte uguali
sulla coda del giorno.
Nello scarto di luna che illumina le assenze
parole cigolanti, quasi a sentirle, sempre le stesse

stonate

condite di miseria speziata.
Sulla lingua
il confine con la pioggia che bagna guanciali di troppo sonno
e notte.
Volevo esserti minuto bagliore
ingannare il buio
ché si fa piccolo perfino il ricordo.
Tu non parli più
e si ripete ancora
l’inverno
che tenta radici di troppa attesa
la tonica del cuore.
Voglio
che torni
con la candelora
con la neve.
Una certezza di pane,
qualcosa come  
un d’intorno
basterebbe.
tra le foglie
un tempo indossato dagli occhi che guardano il mare.

 

di AnnaMaria Scopa

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

A proposito del Metodo Mimico

In questo articolo presento le testimonianze di una ragazza e di un ragazzo che si sono avvicinati al Metodo Mimico durante il loro percorso scolastico.   Sono entrata in contatto

Patrem – prima parte –

Patrem – prima parte –   (latino) strettamente connesso a pane: fulcro di questi termini è la radice sanscrita pa- legata al concetto di protezione e di nutrizione   Ho