Janvier

C’è un divaricare di arpeggi, nel petto
e il verso del vento tra le foglie muove le ore tutte uguali
sulla coda del giorno.
Nello scarto di luna che illumina le assenze
parole cigolanti, quasi a sentirle, sempre le stesse

stonate

condite di miseria speziata.
Sulla lingua
il confine con la pioggia che bagna guanciali di troppo sonno
e notte.
Volevo esserti minuto bagliore
ingannare il buio
ché si fa piccolo perfino il ricordo.
Tu non parli più
e si ripete ancora
l’inverno
che tenta radici di troppa attesa
la tonica del cuore.
Voglio
che torni
con la candelora
con la neve.
Una certezza di pane,
qualcosa come  
un d’intorno
basterebbe.
tra le foglie
un tempo indossato dagli occhi che guardano il mare.

 

di AnnaMaria Scopa

 

photo: Rita Bernardi

Rispondi

Related Post

La Filosofia della Vertigo

RUBRICA: ArtProduction   La Filosofia della Vertigo – episodio sei –   Per fare un buon lavoro devi amare quello che fai e se non lo ami hai due scelte

NON SI DEVE MAI MENTIRE AI BAMBINI

Francesca ha soltanto sei anni quando sua madre muore improvvisamente. Quella mattina la mamma le ha sistemato i capelli, le ha messo lo zainetto sulle spalle, le ha dato un

Insieme

Prendimi per mano e ricama la tua notte sul mio seno. Spargi note in luce e sorrisi sui miei dubbi. Cantami l’universo sottovoce in brividi che scoprono carezze di pensieri