Pittura Meditativa

Il colore, il respiro, lo spazio bianco dentro di sé e sul foglio.

L’arte inizia così.

Può un gesto artistico essere liberatorio e portatore di gioia e di crescita nella nostra vita?

All’Atelier della Luce si fa questo, con accoglienza e amorevolezza, sapendo che il cammino di uno è il cammino di tutti.

Perché ora?

Nelle trame del fare, del dire, del sostenere ci si dimentica d’Essere.

Un istante d’esitazione tenue che sfuma affamato nella fretta. Correre, un avanti e indietro che crea solchi d’abitudine e li traveste da bisogno; il semplice che rotola da chine d’ipermercati dove tutto è scontato e riempie carrelli di spese mal spese con tacchi altissimi e labbra rosso-rabbia, canotte villose e braghe con la vita così bassa che si stenta a sentirla ancora, membra sfasciate, smostrate, postume.

L’insoddisfazione urla ancora e poi vomita e la chiama intolleranza, fede, proprietà. Le guerre diventano corporali: guerre dentro, focolai freddissimi e fatui che alimentano le guerre fuori.

Talvolta ci si chiude a cercarsi l’anima, o quello che ne resta, ché pure un brandello è una vittoria, scheggia, scintilla assolutamente illuminante. Bisogna andare, allora, alla fonte del dolore e carezzarlo, bimbo sperso e dimenticato, prenderlo per mano e riportarlo, congiungerlo a quella scintilla, lasciare che si scaldi, che germogli scordandosi di sé, dei se che lo hanno abbandonato, orfanotrofi di speranze grigie, ma anche congelatori di vite in attesa di un’auto salvataggio, di un’auto innamoramento, di un’autorizzazione a vivere nel pieno della vita. Ridere, ridere con gli interessi maturati, abbondantemente, ricchi finalmente.

La Pittura Meditativa è un ponte semplice, una chiave che s’infila e che, in completa assenza di giudizio, ci libera, ci sposa, ci celebra, ci restituisce, con umiltà, semplicità, speranza.

Per il cambiamento di sé profondo l’Atelier della Luce propone incontri individuali e di gruppo, per adulti, di Pittura Meditativa.

Con amorevolezza e perseveranza.

 

Scopri di più sull’Atelier della Luce e su Nadia Sponzilli.

 

testo e foto: Nadia Sponzilli

Rispondi

Related Post

aMare quel Blu

Mi è ritornata in mente la luce blu in quella stanza e quanto era caldo l’ambiente. Da sposa sollevata poi adagiata su lenzuola morbide. Scendono ancora, sai. Nella sabbia i

Quelle dita tra i capelli – parte seconda –

“Ti stavo solo provocando”. Non ho sentito altro dopo questa frase. Quella sera lei era bella oltre ogni immaginazione. Stavamo ad una festa di almeno una trentina di persone in

L’APOCALISSE DEL CUORE

Ogni giorno una manciata di sale ti entra dentro, quasi con noncuranza, e va a depositarsi sul fondo. Impalpabile, eterea, fluttua con fare dolce tra le immagini del passato che