chanceedizioni@gmail.com

Mese: marzo 2018

ROSSOSANGUE

Di che colore sono, le donne? Io credo rosso-sangue. Il colore di tutto ciò che travolgono e di tutto ciò che le travolge. Il colore di quello che le infiamma e il colore della loro forza e del loro trasporto. Il colore del loro lato più infantile e di quello più profondo. Rosso come un…
Leggi tutto

La luna dell’alba

Racconto a capitoli La luna dell’alba Inquietudine di mille farfalle notturne.   LUNEDÌ 11 LUGLIO 2016 Parte III: Luna nuova Elena si profilò come un sole abbagliante nel buio della mia vita, benché fosse la persona più sola di questo pianeta e non facesse nulla per nasconderlo.                                                    Il mio cuore si era in un…
Leggi tutto

Leggere ci rende leggeri

  Ho uno scaffale della mia libreria dedicata ai libri da leggere; non li contiene più, ormai, o meglio, è così da un bel po’ perché li accumulo più in fretta di quanto riesca a leggerli. I libri sono dei porti, sono dei fari nella notte che ti conducono in luoghi sicuri. Leggendo si cresce…
Leggi tutto

Incidente

Ho scritto più poesie su di te che su tutti gli dèi e le regioni del mondo. Te le ho nascoste in una buffa liturgia di non detti e di camouflage, ma si sono rovesciate da un cielo bianco di intenzioni sulle tue mani. Ed era così caldo il tuo profumo, così buona la pelle,…
Leggi tutto

Editoriale numero 19

Le stagioni umane Quattro stagioni fanno intero l’anno, quattro stagioni ha l’animo dell’uomo. Egli ha la sua robusta Primavera quando coglie l’ingenua fantasia ad aprire di mano ogni bellezza; ha la sua Estate quando ruminare il boccone di miel primaverile del giovine pensiero ama perduto di voluttà, e così fantasticando, quanto gli è dato approssimarsi…
Leggi tutto

Com’è fatto un impianto Hi-Fi

Nota importante al lettore: Quanto leggerete non è verità assoluta ma solo un punto di vista personale, maturato dopo tanto tempo dedicato, e che ancora dedico all’ascolto, prove, verifiche, confronti e consigli di altri appassionati del settore. Molte persone potrebbero non pensarla come me e questo ci sta; ognuno di noi ha il proprio metro…
Leggi tutto

Dalla Gran Madre a Piazza Castello (e ritorno)

Elegante Signora, seduta ai piedi delle montagne, rigogliosa di storie e di contraddizioni, regale ed operaia, fastosa e discreta, grigia ed allegra. Da lontano la sua eco arriva debole. Non si ha coscienza delle sue bellezze fintanto che non ci si fa accogliere da lei. Tra fiume e colline, sotto ai portici che conducono alle…
Leggi tutto

Non posso

Eccomi limare il burro sul pane sfregare le mani vicino al fornello un gesto riflesso. Eccoli –  di là dove non sono – gli incontenibili occhi che stropicciandoli accendi. Non li vedo ma li so. Non ti vedo ed è lungo il giorno ha ore solitarie in cui torno randagia elementare in cui voglio non…
Leggi tutto

Le cose che perdo

Raccontarsi una rondine sulla forma del cielo nei girotondi appesi e l’incedere lento negli angoli ottusi di un sentimento pregato da legare piano ai ricordi quando è già sera, sulle svampite pupille e guardarti a memoria un grumo di stelle negli occhi con l’insonnia nel volo. Qui si nasce o si muore sulle gambe piegate…
Leggi tutto

Backstage Vertigo – episodio sette –

Tenere traccia del “dietro le quinte” della Vertigo è sempre stata una nostra prerogativa che per noi rappresenta un punto di vista esterno, impossibile da cogliere durante i momenti spediti della produzione. Il backstage è utile non solo per avere una documentazione dei lavori ma soprattutto per comunicare all’esterno l’evoluzione della propria realtà: è il…
Leggi tutto