Preda

Non spegnere la luce
sulle mie notti.
Lascia che il buio passi…
passi attraverso…
attraversi.

 

Lascia che la luna illumini ancora
questa notte buia
buia di pace

e dal nero resti abbagliata.

 

Se anche lei, come noi,
chiudesse gli occhi
di quanti altri silenzi ci nutriremmo?

 

È preda.
Fuori, la luna è preda del giorno.
Sta perdendo la calma.

 

Corre e corre
sembra non si fermi,
è ferma ma muove
lenta
ogni lucciola che la compone,
scintillando sempre
di una luce nuova
che ancora
il giorno
tornerà a sciupare.

 

 

testo di Nadia Caruso

 

photo: Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

Editoriale numero 18

Quando non c’è quello che cerchi poi adeguarti a ciò che è disponibile o provare a fare qualcosa di diverso. A volte quel diverso non vuol dire per forza andare

Patrem – seconda parte –

Patrem – seconda parte –   (latino) strettamente connesso a pane: fulcro di questi termini è la radice sanscrita pa- legata al concetto di protezione e di nutrizione   Vorrei

In missione – seconda parte –

Mio marito Santo partì con l’esercito quando ancora non era mio marito. Si trovava in qualche parte del Trentino. A quindici anni io andai a lavorare nella putìa di sua