Preda

Non spegnere la luce
sulle mie notti.
Lascia che il buio passi…
passi attraverso…
attraversi.

 

Lascia che la luna illumini ancora
questa notte buia
buia di pace

e dal nero resti abbagliata.

 

Se anche lei, come noi,
chiudesse gli occhi
di quanti altri silenzi ci nutriremmo?

 

È preda.
Fuori, la luna è preda del giorno.
Sta perdendo la calma.

 

Corre e corre
sembra non si fermi,
è ferma ma muove
lenta
ogni lucciola che la compone,
scintillando sempre
di una luce nuova
che ancora
il giorno
tornerà a sciupare.

 

 

testo di Nadia Caruso

 

photo: Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

In missione – seconda parte –

Mio marito Santo partì con l’esercito quando ancora non era mio marito. Si trovava in qualche parte del Trentino. A quindici anni io andai a lavorare nella putìa di sua

Astrologia familiare

Il tema natale, al giorno d’oggi, è stato riconosciuto e rivalutato come un prezioso strumento di conoscenza personale, fonte continua di scoperta nello schiudersi sempre nuovo di aspetti che mai

Riflettono nuvole grigie nel mare

Mi hai guardato per giorni fino a quando hai scoperto che, dentro ai miei occhi, c’era del verde.   Mi guardavi come se non ci fosse nulla, dopo. Quanto ho