I(m)perat(t)ivi

Contami l’aria che respirerò

fra i nodi a cui so sporgermi

attraverso i tagli degli alberi

sugli scalini del seno

un triangolo aperto

per i fiumi sottili che tengo dentro al braccio.

Riprenditi i salti dei sassi

e le apnee di chi affoga per scelta

sulla superficie virtuale delle promesse

ci sono i miei ‘forse’

avviluppati ai tuoi ‘qui’

che hanno gli stessi appuntamenti da mantenere

le stesse ore cantate nel naso

altre strade da vestire di rosso

nuovi angoli da spogliare e buttare a terra.

Sudami ogni difficoltà

ogni avventura appesa al soffitto

i distacchi che servono

e l’attrazione impronunciabile.

Onorati la notte

e di giorno scavalca ciò che ho delineato sopra le ciglia

col dorso dell’indice nel fianco delle lacrime

armati di passione e di compassione.

Sfuggimi improvvisamente

nuota sui letti delle favole mancate

fammi l’appello quando non so più rispondere

e conserva ogni mia distinzione.

Contami dalla fine

da ciò che non oso

dallo zucchero raffermo

da tutto quello che sbaglio

dal torto e dallo scompenso.

Da quello che non sai

parto

io

come vuoi quando puoi.

 

ScritturaSpontanea

 

di Rossana Orsi

 

photo: Mattia Poggi

Rispondi

Related Post

Riflettono nuvole grigie nel mare

Mi hai guardato per giorni fino a quando hai scoperto che, dentro ai miei occhi, c’era del verde.   Mi guardavi come se non ci fosse nulla, dopo. Quanto ho

La penultima volta

A Parigi è già il disgelo, mentre gli specchi dei tuoi occhi sembrano cubi di Rubik che balbettano filastrocche d’umanità perduta nei giorni di sale e pioggia. E intanto noi

Non oggi

Preferiremmo essere ciechi, a volte. Altre, finiamo per diventarci sul serio, e non vedere quelle cose che ci spaventano, che profetizzano l’ineluttabilità del tutto e la sua caducità. Così non