Le cose che perdo

Raccontarsi
una rondine
sulla forma del cielo
nei girotondi appesi
e l’incedere lento
negli angoli ottusi di un sentimento pregato
da legare piano ai ricordi
quando è già sera,
sulle svampite pupille
e guardarti a memoria

un grumo di stelle negli occhi
con l’insonnia nel volo.
Qui
si nasce o si muore
sulle gambe piegate
strappare fiori alla primavera
e raccogliere la paura dell’inverno
ridisegnare la rotta
oltre il confine
sul bordo indeciso
delle cose che perdo.

 

di Annamaria Scopa

 

hoto: Mattia Poggi

Rispondi

Related Post

Dalla Gran Madre a Piazza Castello (e ritorno)

Elegante Signora, seduta ai piedi delle montagne, rigogliosa di storie e di contraddizioni, regale ed operaia, fastosa e discreta, grigia ed allegra. Da lontano la sua eco arriva debole. Non

Editoriale numero 18

Quando non c’è quello che cerchi poi adeguarti a ciò che è disponibile o provare a fare qualcosa di diverso. A volte quel diverso non vuol dire per forza andare

BELLEZZA

Questo articolo, il primo di una serie, riguarda il rapporto con la bellezza, il lavoro e la vita di donne molto diverse tra loro. In questa prima parte, ho intervistato