Le cose che perdo

Raccontarsi
una rondine
sulla forma del cielo
nei girotondi appesi
e l’incedere lento
negli angoli ottusi di un sentimento pregato
da legare piano ai ricordi
quando è già sera,
sulle svampite pupille
e guardarti a memoria

un grumo di stelle negli occhi
con l’insonnia nel volo.
Qui
si nasce o si muore
sulle gambe piegate
strappare fiori alla primavera
e raccogliere la paura dell’inverno
ridisegnare la rotta
oltre il confine
sul bordo indeciso
delle cose che perdo.

 

di Annamaria Scopa

 

hoto: Mattia Poggi

Rispondi

Related Post

Quelle dita tra i capelli – parte terza –

Caldo pomeriggio di primavera. Aprile, se non ricordo male. Scivolavo sull’onda dei miei pensieri, trascinato malvolentieri da eventi di cui non mi importava poi molto. Finché mentii. Forse non ce

Astrologia familiare

Il tema natale, al giorno d’oggi, è stato riconosciuto e rivalutato come un prezioso strumento di conoscenza personale, fonte continua di scoperta nello schiudersi sempre nuovo di aspetti che mai

INQUIETUDINE  DI MILLE FARFALLE NOTTURNE

Racconto a capitoli La luna dell’alba INQUIETUDINE  DI MILLE FARFALLE NOTTURNE.   LUNEDÌ 11 LUGLIO 2016   Parte II: Luna nuova Tornai alla clinica il giorno dopo in preda all’ansia