Non posso

Eccomi limare il burro sul pane

sfregare le mani vicino al fornello

un gesto riflesso.

Eccoli

–  di là dove non sono –

gli incontenibili occhi

che stropicciandoli accendi.

Non li vedo ma li so.

Non ti vedo ed è lungo il giorno

ha ore solitarie in cui torno

randagia

elementare

in cui voglio non parlare,

solo lavorare a far solida la base.

Ore sole

controluce

in cui pigio sui muri sguardi

spremuti di marasche amare

quelle che cullo nella sottana,

la tana

che cova il desiderio.

Sii serio,

prometti

di venire più spesso

a cercarmi,

a mangiarmi,

accerchiami,

cerchiare in rosso

l’errore nei miei “non posso”.

 

Segui su Facebook Andrée

 

di Eugenia Nardone

 

 

Photo: Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

Dalla Gran Madre a Piazza Castello (e ritorno)

Elegante Signora, seduta ai piedi delle montagne, rigogliosa di storie e di contraddizioni, regale ed operaia, fastosa e discreta, grigia ed allegra. Da lontano la sua eco arriva debole. Non

I(m)perat(t)ivi

Contami l’aria che respirerò fra i nodi a cui so sporgermi attraverso i tagli degli alberi sugli scalini del seno un triangolo aperto per i fiumi sottili che tengo dentro

In missione – seconda parte –

Mio marito Santo partì con l’esercito quando ancora non era mio marito. Si trovava in qualche parte del Trentino. A quindici anni io andai a lavorare nella putìa di sua