Non posso

Eccomi limare il burro sul pane

sfregare le mani vicino al fornello

un gesto riflesso.

Eccoli

–  di là dove non sono –

gli incontenibili occhi

che stropicciandoli accendi.

Non li vedo ma li so.

Non ti vedo ed è lungo il giorno

ha ore solitarie in cui torno

randagia

elementare

in cui voglio non parlare,

solo lavorare a far solida la base.

Ore sole

controluce

in cui pigio sui muri sguardi

spremuti di marasche amare

quelle che cullo nella sottana,

la tana

che cova il desiderio.

Sii serio,

prometti

di venire più spesso

a cercarmi,

a mangiarmi,

accerchiami,

cerchiare in rosso

l’errore nei miei “non posso”.

 

Segui su Facebook Andrée

 

di Eugenia Nardone

 

 

Photo: Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

Com’è fatto un impianto Hi-Fi

Nota importante al lettore: Quanto leggerete non è verità assoluta ma solo un punto di vista personale, maturato dopo tanto tempo dedicato, e che ancora dedico all’ascolto, prove, verifiche, confronti

Dandelion – il ragazzo e il cervo – sesta parte

Dandelion – il ragazzo e il cervo – sesta parte   La pietra si schiarì la gola di granito, dopodiché rievocò con voce roca: Al tempo in cui le querce

INQUIETUDINE  DI MILLE FARFALLE NOTTURNE

Racconto a capitoli La luna dell’alba INQUIETUDINE  DI MILLE FARFALLE NOTTURNE.   LUNEDÌ 11 LUGLIO 2016   Parte II: Luna nuova Tornai alla clinica il giorno dopo in preda all’ansia