Non posso

Eccomi limare il burro sul pane

sfregare le mani vicino al fornello

un gesto riflesso.

Eccoli

–  di là dove non sono –

gli incontenibili occhi

che stropicciandoli accendi.

Non li vedo ma li so.

Non ti vedo ed è lungo il giorno

ha ore solitarie in cui torno

randagia

elementare

in cui voglio non parlare,

solo lavorare a far solida la base.

Ore sole

controluce

in cui pigio sui muri sguardi

spremuti di marasche amare

quelle che cullo nella sottana,

la tana

che cova il desiderio.

Sii serio,

prometti

di venire più spesso

a cercarmi,

a mangiarmi,

accerchiami,

cerchiare in rosso

l’errore nei miei “non posso”.

 

Segui su Facebook Andrée

 

di Eugenia Nardone

 

 

Photo: Paolo Cappennani

Rispondi

Related Post

Backstage Vertigo – episodio sette –

Tenere traccia del “dietro le quinte” della Vertigo è sempre stata una nostra prerogativa che per noi rappresenta un punto di vista esterno, impossibile da cogliere durante i momenti spediti

Siamo

Le parole non dette in bilico tra le labbra e il bacio Le cadute nello sporgersi troppo e al bivio la strada non scelta L’aquilone sfuggito alla presa e il

LA BAMBINA CHE CANTAVA NEL VENTO

C’era una volta una bimba bella, dagli occhi luminosi e la fantasia alta come la luna in cielo. Ogni giorno se ne andava a spasso per i prati che circondavano