Incidente

Ho scritto più poesie

su di te che su tutti

gli dèi e le regioni

del mondo.

Te le ho nascoste

in una buffa liturgia

di non detti

e di camouflage,

ma si sono rovesciate

da un cielo bianco

di intenzioni

sulle tue mani.

Ed era così caldo

il tuo profumo,

così buona la pelle,

che si sono sciolte:

il tuo nome solo

è rimasto intatto,

in una bolla antica

di commozioni

irripetibili.

 

 

di Eva Luna Mascolino

 

photo: Veronique Carozzi

Rispondi

Related Post

Leggere ci rende leggeri

  Ho uno scaffale della mia libreria dedicata ai libri da leggere; non li contiene più, ormai, o meglio, è così da un bel po’ perché li accumulo più in

Avec gentillesse

Resti sta sera? Vorrei potermi sbrogliare da tutte queste attese, dalle mani pesanti che depositano sulle mie spalle aspettative voraci, che riescono ad inghiottirmi nelle sere in cui la musica

Sulla strada della bellezza

(ascoltanto Simon & Garfunkel: El Condor Pasa inserita nella colonna sonora del film Wild)   All’alba il sole riscalda poco e davanti ci sono troppe miglia da percorrere. Il fiume