ROSSOSANGUE

Di che colore sono, le donne?

Io credo rosso-sangue.

Il colore di tutto ciò che travolgono e di tutto ciò che le travolge.

Il colore di quello che le infiamma e il colore della loro forza e del loro trasporto.

Il colore del loro lato più infantile e di quello più profondo.

Rosso come un capriccio improvviso e rosso come il fuoco che le invade seguendo una causa, un obiettivo, un ideale o un sogno.

Di che colore sono, le donne?

Sono fiori dai petali delicati, dalle radici e dalle spine tenaci; sono confuse, sicure, determinate, chiassose, silenziose, vanesie, vanitose, modeste.

Sono come diamanti dalle mille sfaccettature, come tramonto e alba insieme, giorno e notte nello stesso respiro, riso e pianto nello stesso istante, buio e luce sospesi tra una lacrima ed una risata.

Siamo il meglio ed il peggio dell’animo umano, e siamo semi pronti a germogliare: possiamo dare la vita.

Abbiamo un potere enorme, che a volte sappiamo meritarci e altre volte no, che sogniamo e a volte no.

Siamo forti e fragili, vere e brave attrici; una forza della natura, sappiamo anche tremare di fronte ad uno sguardo e stupirci di un bacio che non sapevamo più di saper dare.

Siamo brave a dimenticare, e ricordiamo tutto.

Siamo la tavolozza più folle e complicata che un pittore possa mettere insieme.

Siamo rosso-sangue.

Il colore composto da tutte le tonalità conosciute al mondo, con altri colori in più che nessuno ha mai scoperto, che nemmeno noi sappiamo di possedere.

 

Auguri a noi tutte.

Rubini e granati, nei nostri occhi.

ROSSOSANGUE.

 

 

testo e foto di Cinzia Catena

Rispondi

Related Post

L’APOCALISSE DEL CUORE

Ogni giorno una manciata di sale ti entra dentro, quasi con noncuranza, e va a depositarsi sul fondo. Impalpabile, eterea, fluttua con fare dolce tra le immagini del passato che

Dacci un taglio

Arriva sempre un momento nel quale senti che devi eliminare una parte di te per andare avanti, per far spazio al nuovo e di conseguenza al sano. Arriva sempre e,

Per non sentirsi sole

Le labbra delle donne sono come un campo da battaglia; alcune, rose luminose, sono promesse poi mai mantenute di conturbanti sentieri e abbandoni al peccato, mentre altre, arcigne, ti osservano,