A volte

Poesia

A volte

tratta dal libro

Prima bagno le piante

(donne perseveranti con altri tempi dentro)

Edizioni IsoleAsole

Collana unapiazzaemezza

 

A volte non so accettare com’è,

vorrei guarire

ed esser madre e padre delle cose

riportarle a quella quiete dell’inizio

pronte a partire.

Così allungo le mie ciglia fino al cielo

a supplicar le nubi di piovermi sul naso

non piango più, ora è sereno

ho steso le mie guance ad asciugare.

Se tutto mi entra dentro

non c’è verso di tenerlo fuori

mi faccio mare dolce

ancora da salare

la riva l’ho imparata, così da poterla camminare,

lasciare orme che si possano disfare.

A volte non so accettare com’è,

vorrei guarire,

così mi ninnananno

piano

fino a sognare.

 

Pagina Facebook: Atelier della Luce

 

 

di Nadia Sponzilli

 

photo: Rossana Orsi

Rispondi

Related Post

Liberarsi

Ogni mattina nella quale riapriva gli occhi dopo aver dormito, o non dormito affatto, gli sembrava di smarrire un frammento in più della sua razionalità. Quelle mattine erano ormai tutte

Le salutari tentazioni dei narratori in erba

RUBRICA ANIMA DI CARTA: Le salutari tentazioni dei narratori in erba   Più passa il tempo più mi convinco che non esistono ricette preconfezionate per chi scrive narrativa. Raccontare una

È difficile

riuscire a seguire la stella polare una stanza sottosopra, cavi per terra, una chitarra sul letto, la cassa accesa, il cuore opaco, un’eclissi lunare, in tutto questo disordine è difficile