Tenerezza

ispirata alle poesie

Confidare di Antonia Pozzi

Ho tanta fede in te che durerà di Eugenio Montale

 

Ho tanta fede in te

sono i versi che vorrei leggerti,

ma tu sai che non posso

sai che manco

del senso cieco del vuoto

che per me è abbastanza

sederti a fianco,

e anche meno mi basta:

sul vociare di un pranzo

allacciare un istante i tuoi occhi

non giusti

non bianchi o neri

i tuoi occhi veri.

Vorrei dirti la tenerezza che provo.

Ci provo.

È lo stupore ingenuo

davanti al presepio meccanico

l’ombra larga del fico

il poco-tanto che ti dico

che ti ricordo per quando sei solo

sii gentile

ci possiamo riuscire”.

 

Pagina Facebook: Andrée

 

 

di Eugenia Nardona

 

photo: Selma Neudert

Rispondi

Related Post

Leggere ci rende leggeri

  Ho uno scaffale della mia libreria dedicata ai libri da leggere; non li contiene più, ormai, o meglio, è così da un bel po’ perché li accumulo più in

Bellezza -seconda parte-

Come anticipato nello scorso numero, questa è la seconda intervista sul tema della bellezza, fatta a Benedetta Valentini: dottoressa in legge e fotografa (visita il suo profilo Instagram il_diario_fotografico_di_bene)  

Donne

Ho conosciuto donne con il cuore a pezzi: sembrava non battesse, eppure erano vive. Ho conosciuto donne con il cuore a pezzi: il mondo intorno immobile, ma, loro, si muovevano.