Oltre

Ho raccolto il tuo sonno

in palmo di mano

a rabboccare la sete

di ri_conoscerti

oltre l’abbraccio

o il bacio,

oltre l’emozione.

E ho percorso il silenzio

in cerca di parole da donarti

per vincere il timore

di ammutolire

di fronte al tuo splendore.

Forte d’intensità

ma tenero d’intenti

questo amore

di una dolcezza antica

e delicata

posto tra mani incaute

può svanire.

Ritorno (a) (me_sta)sera

vinta dal desiderio

di ritrovarti

a risvegliarmi il giorno

in_canti di cicale

nell’esta(te) che porterà le Azzorre

sulle nostre finestre variopinte

e nel frutteti carichi di promesse

mature

succulente.

 

di Francesca Falco

 

photo: Ketty D’Amico

Rispondi

Related Post

Le salutari tentazioni dei narratori in erba

RUBRICA ANIMA DI CARTA: Le salutari tentazioni dei narratori in erba   Più passa il tempo più mi convinco che non esistono ricette preconfezionate per chi scrive narrativa. Raccontare una

Avec gentillesse

Resti sta sera? Vorrei potermi sbrogliare da tutte queste attese, dalle mani pesanti che depositano sulle mie spalle aspettative voraci, che riescono ad inghiottirmi nelle sere in cui la musica

A volte

Poesia A volte tratta dal libro Prima bagno le piante (donne perseveranti con altri tempi dentro) Edizioni IsoleAsole Collana unapiazzaemezza   A volte non so accettare com’è, vorrei guarire ed